Classici del design: #2 la sedia Luigi XVI

La protagonista della rubrica “Classici del design” di oggi è la sedia Luigi XVI, stile che ha segnato e influenzato la storia dell’arredamento.
Il nome deriva dal sovrano francese Luigi XVI appunto. E’ durante il suo regno che le influenze dello stile barocco permisero la realizzazione di arredi con particolari caratteristiche che iniziarono a diffondersi in tutta Europa. Le sedie appartenenti a questo stile sono realizzate in legno con un’estrema attenzione per i dettagli e cura dei particolari. Le gambe infatti sono sapientemente lavorate e arricchite da intagli e scanalature mentre la seduta è rivestita e imbottita in tessuto.

Remix di Modà è una sedia degna rappresentante dello stile Luigi XVI. Realizzata interamente in legno massello di faggio con gambe leggermente tornite nella parte iniziale e finale e impreziosite da decori intagliati, seduta e schienale imbottiti in tessuto in diverse finiture. Il telaio della sedia presenta le stesse scanalature delle gambe ed è caratterizzato da piccole sezioni rettangolari lavorate con un decoro a forma di fiore. Lo schienale rotondo a medaglione è rifinito anche posteriormente in modo da poter avere una sedia elegante e raffinata da qualsiasi angolazioni la si guardi.

sedia-luigi-xvi-remix

Le successive rivisitazioni del classico hanno contaminato questo stile mantenendone però le caratteristiche base.
E’ il caso di Lear che presenta una curata e precisa lavorazione delle gambe, una seduta imbottita in tessuto o pelle e uno schienale questa volta in un resistente materiale plastico. Nello specifico si tratta di metacrilato interamente trasparente o trasparente con leggeri e aggraziati decori damascati.

sedia-luigi-xvi-lear

Un’altra rivisitazione ancor più moderna e minimale della sedia Luigi XVI è Magnolia. La struttura è disponibile in laccato o nelle pregiate finiture foglia oro e argento e non presenta nessuna lavorazione. Le gambe infatti sono estremamente semplici e lineari e sostengono una seduta imbottita in tessuto. Lo schienale a medaglione è vuoto.

sedia-luigi-xvi-magnolia

Il massimo della modernità e del design è rappresentato dalla sedia Louis Ghost, disegnata da Philippe Starck per Kartell. Interamente in materiale plastico trasparente o coprente in diversi colori, presenta le linee classiche tipiche di questo stile.

sedia-luigi-xvi-louis-ghost-kartell

Le sedie in stile Luigi XVI sono sedute eleganti e raffinate. Nelle versioni con ricche lavorazioni e decori sono perfette in case dal sapore classico e ricercato, intorno ad un importante tavolo del soggiorno o nello studio. Nelle versioni più moderne possono essere inserite in ogni contesto, dal soggiorno alla cucina.
Ecco una gallery di immagini di sedie stile Luigi XVI…

Il sapore antico delle sedie classiche trapela dalle foto

Distinguere le sedie classiche da quelle moderne è semplice anche per chi non si occupa quotidianamente d’arredamento. Il gusto un po’ retrò di certi arredi traspare dall’uso dei materiali e dalle forme. Ma rinfrescare la memoria non fa mai male e allora ho deciso di presentarvi alcun stili di sedute classiche

Sedia classica in legno

sedie-classiche-eritrea

Eritrea è realizzata in legno noce antiquariato con seduta rivestita in tessuto o pelle. La parte alta dello schienale è una sorta di fascia “piena” che sostiene le spalle, la parte inferiore è formata da tre listelli leggermente curvati, due dei quali intersecano creando una “X” e ospitano al meglio le linee naturali della schiena.

Sedia classica rivestita

sedie-classiche-brioche

Brioche è una sedia “vestita” con una fodera in tessuto che presenta leggeri dettagli sul retro: liscia, allacciata con fiocchi, ganci, bottoni o alamari. La struttura è realizzata in legno di faggio in diverse finiture e può essere completamente o parzialmente nascosta da questa fodera, disponibile in un’ampia gamma di colori. Brioche è perfetta per ambienti classici, sale da pranzo e soggiorni di maestosi appartamenti ma, grazie alla praticità del rivestimento sfoderabile, può essere usata anche in ristoranti e agriturismi che si vogliono distinguere.

Sedia classica barocca

sedie-classiche-lear

Lear è una sedia classica dallo stile barocco / Luigi XVI. Struttura in faggio laccato o a foglia con schienale in metacrilato a medaglione. Seduta e schienale sono imbottiti e rivestiti in tessuto o in pelle. Le quattro gambe presentano intagli finemente pensati e lavorati, tanto che nessun dettaglio è lasciato al caso, neanche i decori damascati dello schienale. Tutti questi particolari, uniti alla scelta di una finitura a foglia oro, non solo permettono di avere una sedia dal gusto classico ma anche elegante, raffinata e di grande presenza.

Continuate ad assaporare il gusto classico di questi arredi guardano questa gallery di immagini di sedie classiche.

Ricetta per un’Icona: Sedia a Dondolo Pisolo

Un’icona nasce sempre dallo studio accurato di tanti piccoli dettagli che messi insieme ne definiranno il successo: capelli biondo platino e carnose labbra rosse ci fanno pensare immediatamente a Marilyn Monroe. Se dico sedia a dondolo cosa vi viene in mente?
A me questa.
Una sedia a dondolo in legno massello con il caratteristico schienale a raggi in stile Windsor. Tipica seduta da veranda, in una tipica mansione circondata da un rigoglioso giardino sulle rive del Mississippi.
Questa però ha una marcia in più: la sedia a dondolo si tinge di colori di tendenza e finiture shabby-chic, non più per la veranda ma soprattutto per arredare salotti, soggiorni o camere da letto dallo stile ricercato. Moderna e classica, country e urban: versatile e eclettica come il brand che l’ha concepita.
Pisolo infatti è una creazione del marchio brianzolo Modà e fa parte della collezione eco-friendly Be Green.
Per Marilyin fu la chioma platinata e il rossetto rosso carminio.
Per Pisolo, la “ricetta per un’icona” la sveliamo qui sotto.

38 elementi compongono la sedia Pisolo:
1 testa sagomata a mano e rifinita a pantografo
24 bacchette tornite
1 sedile in massello scavato
1 arco bracciolo sagomato a mano
2 sostegni bracciolo torniti a mano rifiniti a macchina
4 gambe tornite a mano
2 slitte sagomate a mano e rifinite a pantografo
3 traversi sotto sedile torniti per scarico peso

Aggiungere abbondante maestria artigianale, infornare con passione e gusto per le ultime tendenze. La sedia a dondolo Pisolo è un’icona da servire su un piatto d’argento, per palati raffinati che non temono la sperimentazione.