Idee per arredare casa: specchio per ingresso ad angolo

Specchio per ingresso ad angolo! Ecco cosa mancava nella lista degli oggetti del desiderio.
Dopo aver visto Rimpiattino non ho più avuto dubbi: diventerà la specchiera angolare per il mio ingresso di casa e la specchiera portabiti per la camera da letto.
Potrà perfettamente arredare due ambienti così diversi perché la sua semplicità strutturale è molto versatile e declinabile addirittura in tre modelli. Sarà perfetto perché occupa poco spazio e lo fa con eleganza e praticità risultando un soluzione piacevole alla vista e pratica all’utilizzo.

1 – Rimpiattino angolare con anta
Specchio ingresso angolare Rimpiattino
In questa versione Rimpiattino ha un lato fissato ad una parete e sfrutta gli angoli della casa che altrimenti rimarrebbero inutilizzati, offrendo anche una piccola vaschetta portaoggetti. A seconda dell’ambiente in cui viene inserito può diventare l’angolo spogliatoio o il vano portabiti. In camera da letto è sia specchiera sia il luogo in cui appendere i vestiti che si ha intenzione di riutilizzare o che si vuole avere a portata di mano; all’ingresso è il vano appendiabiti per giacche e cappotti, anche degli ospiti.

2 e 3 – Rimpiattino angolare fisso e frontale fisso
Specchio ingresso appendiabiti decorato Rimpiattino
Rimpiattino scelto nel modello fisso è dotato di un ripiano superiore con ganci e supporti per appendini girevoli ed è ideale ovunque se ne ha la necessità. All’ingresso permette di darsi un’ultima occhiata prima di uscire e di appendere giacche e sciarpe appena rientrati. Può svolgere la stessa funzione in un ampio corridoio o nella zona salotto di un monolocale o di un loft.

Rimpiattino entra di diritto negli oggetti del desiderio per arredare casa anche per il suo aspetto estetico. È disponibile con frontale a specchio interamente liscio oppure con decori che riproducono oggetti fashion come un cappello, una borsetta, un ombrello e occhiali da sole.
È un complemento d’arredo decorativo e funzionale al quale proprio non si può rinunciare.

Mobili ingresso: valorizzare lo spazio in modo funzionale

L’ingresso delle nostre case è forse lo spazio più sottovalutato e meno valorizzato. In pochi sanno che con piccoli accorgimenti si può rendere questo spazio più accogliente per gli ospiti e più funzionale per il proprietario di casa. La soluzione si può riassumere in due parole: mobili ingresso.
Quante volte rientrati in casa appoggiamo la borsa per terra, la giacca sul divano e le scarpe vicino alla porta? In questo modo creiamo solo confusione e disordine nell’ambiente, e lasciatemelo dire, non sono neanche atteggiamenti molto igienici.
Sarebbe ideale attrezzare l’ingresso con mobili intelligenti e multifunzione, capaci di valorizzare lo spazio e garantire ordine all’ambiente.

Se l’ingresso della vostra casa è poco spazioso optate per una composizione semplice: specchio, mensola e ganci appendiabiti. Demo riesce rendere funzionale una parete che altrimenti sarebbe rimasta inutilizzata. L’originale curvatura della mensola ricorda un’onda e l’insieme è elegante e poco invasivo.

mobile-ingresso-demo

Se preferite un’idea ancora più minimal e salvaspazio il pannello Cambridge F10 fa al caso vostro: tre ganci appendiabiti e uno specchio a figura intera. L’ingombro del pannello è minimo grazie ai soli cm 1,8 di spessore e il grado di personalizzazione è alto. E’ possibile scegliere la finitura tra diversi laminati effetto legno, tra specchio rettangolare o ellittico e il verso della composizione.

mobile-ingresso-cambridge-f10

Per sfruttare al massimo ogni angolo della casa in modo elegante e pratico scegliete Rimpiattino. Pannello composto da uno specchio liscio o con serigrafia satinata a motivo Ramage o Fashion e vano portabiti. Offre la possibilità di appendere giacche e riporre piccoli oggetti sulla mensola e soprattutto di nascondere il tutto dalla vista.

mobile-ingresso-rimpiattino

I mobili da ingresso possono essere anche pratici divisori per dividere l’ingresso dal soggiorno o dal salotto offrendo superfici d’appoggio che non guastano mai.
Holas è un mobile da ingresso bifacciale con mensole per esporre soprammobili, libri o altri piccoli oggetti e un’anta a specchio scorrevole che nasconde un vano appendiabiti. E’ perfetto per “darsi un’ultima occhiata” prima di uscire di casa.

mobile-ingresso-holas

Un mobile con anta interamente in specchio aiuta a donare profondità ad uno spazio piccolo, se in più riesce a nascondere gli antiestetici quadri della corrente allora il successo è assicurato. Wayne è un mobile ingresso sospeso semplice, essenziale e anche movibile. Ad un primo colpo d’occhio è uno specchio ma ad un’analisi più attenta è anche un contenitore che può essere equipaggiato con ganci appendiabiti, ripiani in vetro e vani scarpiera.

mobile-ingresso-wayne mobile-ingresso-wayne-

Le case che hanno un maggiore spazio a disposizione all’ingresso possono essere attrezzate con Nevada E04. Pannello con ganci appendiabiti, mensola superiore e contenitore con anta a ribalta. Più spazio a disposizione significa più spazio dove riporre oggetti. Giacche e sciarpe possono essere appese agli eleganti ganci, le borse appoggiare sulla mensola o sopra il contenitore, scarpe o oggetti vari riposti all’interno del contenitore.

mobile-ingresso-nevada-04

Per un ingresso da fare invidia a molti e per una soluzione veramente salvaspazio c’è Cambridge F17. Ganci appendiabiti, 12 ripiani che possono contenere fino a 39 paia di scarpe e kit stiro, tutto in un unico mobile.

mobile-ingresso-cambridge-f17

Vi lascio con una gallery di foto di mobili ingresso, le soluzioni per dare ordine all’ambiente in modo strategico e funzionale possono essere davvero molte…

Mobili da ingresso intelligenti e multifunzionali

Sono entrati da poco in famiglia, ma sono già un best seller: sarà perché si chiamano Cambridge (un ottimo biglietto da visita!), sarà perché sono tanti ed è impossibile non trovare quello giusto. Sto parlando di mobili da ingresso intelligenti e multifunzionali, pensati per arredare qualsiasi spazio.
E’ vero: con la open space mania dilagante è sempre più difficile avere un vero e proprio ingresso, più comune invece nelle case tradizionali in cui all’ingresso corrispondeva un corridoio o addirittura una stanzetta dedicata al “guardaroba” in cui giacche, scarpe e borse trovavano collocazione.
Tra open space e case con spazi sempre più ridotti il mobile da ingresso continua però a giocare un ruolo fondamentale. Prima di tutto per organizzare al meglio gli ambienti a disposizione, e poi naturalmente per rivestire le funzioni per cui è stato inventato, un mobile per ingresso deve possedere almeno due tra le seguenti caratteristiche: occupare poco spazio, essere dotato di specchio, appendiabiti, mensole o cassetti, scarpiera. Se poi come Cambridge 06 riesce ad avere tutte queste cose: bingo! avete trovato l’ingresso perfetto.Questo ingresso è reso ancora più funzionale dalla presenza ben nascosta di un’asse da stiro, inseribile a scelta in una delle due ante. L’altro contenitore è invece dotato di ganci appendiabiti e ripiano.
Il mobile d’ingresso diventa così un pit-stop obbligato in cui è possibile liberarsi di tutti i fardelli quotidiani: scarpe, giacche e cappotti, borse, zaini e ventiquattrore, chiavi e portafogli da riporre ben custoditi nel cassetto sospeso.

Mobili da ingresso con scarpiera
La scarpiera diventa fondamentale quando la famiglia è numerosa o quando gli spazi non consentono di collocare altrove un mobile dedicato. Dobbiamo comunque ammettere che il posto migliore per le scarpe rimane l’ingresso, per ragioni estetiche ed igieniche: non c’è modo migliore per costringere il partner o il bimbo che torna dal parco ad abbandonare le scarpe prima di entrare in casa!
L’ingresso con scarpiera può essere di varie dimensioni. A seconda dello spazio a disposizione si può optare per un mobile multi accessoriato come Cambridge F17.Ma anche un mobile più piccolo con scarpiera e appendiabiti come Cambridge F13 può contenere fino a 30 paia di scarpe fornendo anche uno specchio a figura intera. Fondamentale per un ultimo sguardo a make-up e outfit prima di uscire di casa!

Mobili da ingresso con specchio
Proprio perché l’ultimo “check” prima di uscire sembra essere l’abitudine quotidiana più consolidata, un mobile da ingresso che si rispetti non può fare a meno di uno specchio. Se la scarpiera non è necessaria si possono scegliere mobili di dimensioni più piccole con specchiera più o meno grande. Per i meno vanitosi è sufficiente uno specchio altezza viso come quello di Cambridge F02 che lascia spazio per un comodo cassetto sospeso.Una soluzione simile, ma con appendiabiti a vista, è l’ingresso con cassetti Cambridge F04.Se proprio non potete fare a meno dello specchio a figura intera, cari i miei vanitosi, Cambridge F09 è quello che fa per voi, senza contare che è dotato di un comodo appendiabiti estraibile.Se poi avete un gusto spiccatamente minimalista Cambridge F10 è un pannello appendiabiti con tre ganci e uno specchio. Semplicemente.

I mobili da ingresso sono biglietti da visita: la prima cosa che i vostri ospiti vedono entrando in casa vostra. Arredare con praticità è un must nelle case moderne, ma anche l’occhio vuole la sua parte.