Il progetto di Sara #4: arredare una lavanderia lunga e stretta

Torniamo ad allietare la settimana di chi è alle prese con qualche dubbio d’arredo.
Oggi vi presento un progetto per arredare una lavanderia con un mobile della larghezza di 226 cm e la profondità di 62 cm, sfruttando una sola parete da cm 240 e una profondità massima di cm 65. Il locale lavanderia è un ambiente non più così diffuso nelle case nuove, ma chi ha la fortuna di averlo sa che è un ambiente molto utile e “scaccia disordine”. Infatti può ospitare lavatrice, asciugatrice, scarpiere, detersivi, mobiletti per le scope, portabiancheria sporca…fungendo anche da ripostiglio.
Ma vediamo la richiesta che ci è arrivata.

Ho una lavanderia stretta e lunga (sembra più un corridoio che una stanza vera e propria!) e vorrei trovare il mio mobile ideale.
La parete è di 240 cm in larghezza, mentre in profondità ho a disposizione 65 cm che vorrei sfruttare in pieno. Il mobile che vorrei progettare ha quindi una profondità ideale di almeno 60 cm.
Ho visto il modello “n34 Atlantic” e vorrei sapere se è creabile con una profondità maggiore, ad esempio 62 cm

Il mobile con porta lavatrice e lavatoio Atlantic N34 che ha colpito il nostro cliente lo vedete nella foto qui sotto:Mobile lavanderia cm 226 Atlantic N34

Cosa fare prima di progettare un mobile per la lavanderia

Siamo sempre pronti ad assistere chi ci chiede aiuto, ma troviamo sia giusto fornire tutte le indicazioni possibili a chi vuole cimentarsi nella progettazione autonoma di un mobile o di un ambiente. Molto spesso infatti il “lo voglio uguale alla foto” non può funzionare, soprattutto se si parla di arredi sistemici che richiedono impianti particolari o anche il semplice attacco alla corrente elettrica.
Progettare bene e a monte fa risparmiare tempo e soldi: come regola generale un progetto intelligente può evitare costosi tagli su misura e interventi di muratura, idraulici o elettrici.

Vediamo tutti gli step da seguire e uniamoli con le informazioni del progetto specifico che stiamo vedendo insieme:

1. larghezza, profondità e altezza a disposizione:
in questo caso abbiamo una parete da 240 cm, profondità cm 65;

2. se e dove sono posizionati gli scarichi, impianti, prese elettriche:
da quanto inviatoci dal cliente Sara nota fin da subito che lavatrice e lavabo condividono lo stesso scarico. Inoltre non c’è una presa della corrente a livello della lavatrice;

3. individuare eventuali impedimenti:
il cliente ha una stanza stretta e lunga, per cui il mobile deve per forza occupare una sola parete e non può svilupparsi ad angolo perché sulla parete adiacente è presente una rientranza con uno scaldabagno e una finestra;

4. disegnare una piantina:
usate gli strumenti che avete a disposizione, vanno benissimo anche foglio, matita e righello. L’importante è indicare precisamente le quote (distanza da terra e dalla parete adiacente) a cui si trovano impianti, prese, scarichi o possibili “impedimenti” (finestre, rientranze, vani, irregolarità…).

Dall’idea iniziale al progetto finale

Solo con i dati elencati sopra è possibile progettare una composizione di mobili ben strutturata, con vani contenitivi organizzati e alternati secondo una logica che risponda a funzionalità e armonia estetica.
Qui sotto vedete lo schema disegnato dal cliente.Misure della parete cm 240 su cui sarà posizionato il mobile lavanderia da cm 226Ecco invece il suo “mobile ideale”:

Progetto del mobile disegnato dal cliente.

Progetto del mobile disegnato dal cliente.

Come ho già scritto prima, non tutto quello presentato in foto può essere realizzato tale e quale, lo stesso vale per un disegno. Quello che però ci impegniamo a fare è rispettare nel limite del possibile (anche se a volte cerchiamo di valicare il possibile!) l’idea iniziale di chi ci chiede aiuto.

Cosa abbiamo modificato e perché?

Viste tutte le misure e le quote degli scarichi e degli attacchi, Sara ha individuato una sola necessaria modifica rispetto al disegno del cliente:

scarico della lavatrice e del lavabo in comune = base portalavabo con ante

Lo scarico in comune ha reso necessario praticare un foro (scanso) sui fianchi del mobile portalavatrice e della base portalavabo, questo è indispensabile per il passaggio del tubo di scarico dalla lavatrice. I cestoni sono normalmente dotati di guide che avrebbero semplicemente intralciato il passaggio del tubo.
Lo scanso si trova all’interno del mobile ed è quindi invisibile. Richiede solo un piccolo supplemento.

Problemi risolti senza ricorrere a lavorazioni su misura

Uno degli impedimenti nella progettazione di questa lavanderia stretta e lunga erano le prese della corrente, situate in alto, sopra il top del mobile…dove attaccare la lavatrice?

Le soluzioni prospettate erano due:
- forare il top in mineralmarmo per consentire il passaggio del cavo
- spostare le prese di corrente / far installare una nuova presa della corrente dietro al mobile lavanderia
Il cliente ha preferito conservare intatta l’estetica minimalista del top facendosi spostare la presa della corrente più in basso.

Dettaglio del top in mineralmarmo lucido bianco con vasca integrata Wet.

Dettaglio del top in mineralmarmo lucido bianco con vasca integrata Wet.

Dopo aver definito tutti i dettagli tecnici, aver scelto le finiture e le maniglie e aggiunti due accessori pensili e una mensola, il progetto viene disegnato per l’approvazione finale:
Schema definitivo mobile lavanderia cm 226

Spostata la mensola, aggiunto un portasalviette integrato al mobile pensile con anta unica…è finalmente giunto il momento di mostrarvi il risultato finale direttamente attraverso le foto inviate dal cliente.

Insieme alle foto Sara ha ricevuto i complimenti del cliente…che fanno sempre bene :)
Buongiorno Sara. Come promesso le mando le foto del mobile. Purtroppo la lavanderia è lunga e stretta quindi la prospettiva ne risente…proprio bello! Peccato “nasconderlo” in un angolo della casa non accessibile a tutti!
Ancora grazie per l’ottima assistenza ed al prossimo acquisto! M.P.

Quasi dimenticavo: molti di voi si staranno ponendo delle domande sul montaggio, vero?
Don’t panic: i mobili vengono consegnati completi di istruzioni di montaggio, per tutto quello che non trovate nelle istruzioni abbiamo girato un video che potete vedere qui sotto:

Un altro tipico caso di “l’ho visto e lo voglio uguale (ma ci starà???)” brillantemente risolto dalla nostra Sara, proprio come il mobile bagno e lavanderia in meno 2 metri progettato qualche tempo fa.
Gli altri progetti di Sara li potete trovare qui.

Per qualsiasi informazione potete telefonarci allo 0362.682.682 o mandarci una email all’indirizzo servizioclienti@arredaclick.com

Bagno con lavanderia: lavatrice a vista o nascosta

L’abbinamento bagno piccolo e lavatrice non è sempre facile da realizzare. Gli spazi sempre più ridotti delle case non aiutano certo ad inserire tutto il necessario in tutti gli ambienti. Quando si è costretti ad inserire la lavatrice in bagno si deve adottare un semplice accorgimento che aiuterà sicuramente a rendere l’ambiente funzionale, pratico ed esteticamente bello.
La soluzione è una sola: mobile bagno lavanderia. Le scelte invece sono due: bagno con lavatrice a vista o bagno con lavatrice nascosta.

Puntare sulla praticità.
Se si predilige la comodità e la funzionalità è necessario optare per un mobile bagno con lavatrice a vista. In questo caso infatti non ci sono ante e antine che intralciano l’apertura dell’oblo dell’elettrodomestico.
A seconda dello spazio si può completare la composizione con colonne lavanderia, basi contenitore o pensili in cui inserire detersivi, sapone e cesta del bucato.

Puntare sull’estetica
Se si predilige l’impatto visivo e si vuole arredare un ambiente armonioso e curato nei minimi dettagli è necessario optare per una lavanderia nascosta.
Ad un primo impatto il mobile sembra un comunissimo arredo bagno ma in realtà incassata tra basi e contenitori in appoggio a terra vi è la lavatrice. Ante battenti celano alla vista questo elettrodomestico e lo svelano solo all’occorrenza.

Bagno con lavanderia nascosta Blizzard

Mobile bagno lavanderia con lavatrice nascosta Blizzard.

Bagno con lavanderia nascosta Atlantic

Base porta lavatrice Atlantic incassata e nascosta nell’arredo bagno.

Bagno con lavanderia Atlantic

Base lavatrice Atlantic, lavatrice incassata con ante battenti che la nascondono.

Arredare un bagno piccolo con lavatrice è in realtà un gioco di incastri. I giocatori siete voi, le pedine sono i singoli elementi bagno, l’ostacolo è lo spazio a disposizione e la scorciatoia è l’estrema personalizzazione garantita dai mobili ArredaClick. L’ulteriore aiutino è dato dalle numerose finiture e colori a disposizione.
Con tutte queste possibilità, raggiungere l’obiettivo di arredare un bagno con lavanderia sarà facile e divertente.

Se oltre a questo elettrodomestico avete anche l’asciugatrice il gioco si complica leggermente ma la soluzione esiste ed è un mobile bagno che nasconde lavatrice ed asciugatrice.

Un mobile per nascondere lavatrice e asciugatrice

Come non potevamo avere nella nostra collezione per l’arredo di bagno e lavanderia un mobile che nasconde lavatrice e asciugatrice?
In principio fu solo la lavatrice. Poi arrivò l’asciugatrice. Questo elettrodomestico non è ancora molto diffuso ma sta cominciando a prendere piede, date le dimensioni ridotte degli appartamenti contemporanei e la mancanza cronica di spazi in cui stendere la biancheria.
Certo, direte voi, se non c’è spazio per lo stendino, come può esserci spazio non per uno, ma addirittura per due grossi elettrodomestici come lavatrice e asciugatrice?
La risposta è: in mancanza di superfici orizzontali da sfruttare, approfitta di quella verticale in questo modo:

Mobile a colonna per lavatrice e asciugatrice.

Mobile a colonna per lavatrice e asciugatrice.

Colonna portalavatrice e asciugatrice  Blizzard

Mobili come la colonna lavanderia Atlantic e la colonna portalavatrice Blizzard permettono di sovrapporre i due elettrodomestici che così occupano uno spazio davvero limitato. La larghezza del mobiletto infatti è di soli 70 centimetri.
Nella parte più alta del modello Atlantic c’è anche un ripiano per detersivi, panni e altri prodotti per la pulizia che si vogliono lasciare fuori dalla portata dei bambini e non a vista.
Una volta chiuso il mobile porta lavatrice e asciugatrice si presenta come un semplice e curato armadietto, perfettamente abbinabile al vostro mobile bagno.

Mobile nascondere lavatrice asciugatrice

Una volta chiuso il mobile nasconde gli elettrodomestici. Le ante sono personalizzabili in numerose finiture, colori e con varie maniglie.

Colonna portalavatrice Blizzard (in secondo piano)

Se nel bagno avete più spazio e volete completare la colonna lavanderia con altri utili accessori che vi aiutino a tenere tutto in ordine, il nostro consiglio è quello di optare per una scarpiera, un portabiancheria sporca oppure un mobiletto per scope, aspirapolvere, secchi e detersivi.

A seconda delle vostre necessità e dello spazio a disposizione potrete optare per uno o per l’altro, ricordandovi sempre di dare la priorità alla funzionalità. Se il bagno è piccolo ed è l’unico che avete in casa, allora è meglio privilegiare un mobile che vi offra la comodità di reperire immediatamente oggetti e prodotti necessari per lavatrice e asciugatrice e per la pulizia. In questo caso infatti la scarpiera può essere collocata in altri punti della casa: un balcone, se lo avete, oppure quegli spazi dietro alle porte che rimangono sempre inutilizzati. Basta scegliere una o più scarpiere slim e posizionarle dove vi fa più comodo (dietro la porta in camera, in un disimpegno o in un corridoio, su un balcone, all’ingresso…).


Se invece avete un’intera stanza destinata ad uso lavanderia, l’ideale è condensare in questo ambiente tutti i mobili meno decorativi, ma più funzionali, della casa: il lavatoio, il mobile per lavatrice e asciugatrice, mobili portascope e detersivi, scarpiere, cesti per la biancheria, ripiani su cui riporre i panni da stirare, contenitori per asciugamani puliti e tutto quello che ritenete opportuno inserire in una lavanderia.Mobili per una lavanderia completa. Collezione Atlantic di ArredaClick.

Mobili lavanderia per un arredo bagno elegante e funzionale

Le dimensioni sempre più piccole delle nostre case spesso ci costringono a rinunciare a qualche mobile d’arredamento che tanto ci farebbe comodo. Chi non vorrebbe una stanza dove poter lavare e stirare senza preoccuparsi dell’antiestetica montagna di vestiti che si accumula sulla sedia o sull’asse da stiro?! Purtroppo la lavanderia è uno dei primi spazi ad essere sacrificato ma a questo c’è un rimedio: mobili bagno lavanderia. Soluzioni pratiche che racchiudono nel mobile bagno questo importante elettrodomestico, al fianco di lavabo, specchio ed eventuali colonne e pensili. Aiutano a massimizzare gli spazi, offrendo in modo compatto e discreto tutto il necessario.
Ancora non siete convinti del risultato? Guardate queste immagini…

Lavatrice a vistaNatural K25-16

mobili-bagno-lavanderia-natural-k25

La composizione è formata da base porta lavabo sospesa, colonna e pensili con specchiera. A completare il tutto la lavatrice posizionata al di sotto del piano ed integrata perfettamente nella struttura. La scelta del colore bianco per l’intero mobile aiuta a mascherare visivamente l’elettrodomestico che frontalmente è lasciato completamente a vista. E’ una composizione compatta che occupa solamente una parete del bagno ed è pratica e funzionale grazie ai numerosi contenitori sempre utili per l’appoggio di prodotti per la cura del corpo e detersivi per il bucato.

Lavatrice nascostaDixi Aquna 168

mobili-bagno-lavanderia-dixi-aquna-168

Dov’è la lavatrice? C’è ma non si vede; solo gli ospiti più curiosi che decidono di aprire ante e cassetti si accorgeranno del trucco.
La composizione è formata da base lavabo a terra, colonna a tre cassetti, pensile, specchiera e mobile porta lavatrice con ante battenti. La presenza di questo elettrodomestico è minimizzata dal fatto che è perfettamente incastrata all’interno del mobile bagno ed è coperta visivamente dalle ante. E’ una soluzione pratica, funzionale ed elegante allo stesso tempo.

Utilizzare un unico ambiente come bagno e come locale lavanderia non è mai stato così semplice. Unico accorgimento: durante la progettazione e la scelta degli arredi bisogna valutare il volume e la profondità della composizione totale. Per estetica e praticità la lavatrice non dovrebbe sporgere dal mobile bagno.