Lavorincasa.it e la breve storia di un classico: la Sedia Cantilever

E di nuovo nel giro di pochi giorni siamo stati scelti dall’architetto Carmen Granata per un editoriale dedicato ad un classico del design e pubblicato sul portale www.lavorincasa.it. Nell’articolo è descritta nei minimi particolari uno degli oggetti che ha segnato indelebilmente la storia del design: la sedia cantilever. Spiega l’architetto che:

Si definisce cantilever un tipo di sedia avente struttura a sbalzo (detta anche a pensilina) e quindi priva dei piedi posteriori. Essa si regge, quindi, grazie ad una particolare sagomatura dei due montanti anteriori, ripiegati a livello del pavimento e della seduta e collegati da un tubo orizzontale continuo.

Il modello originale si fa risalire al 1926 e fu opera dell’architetto Mart Stam, subito seguito dalla MR 10 in pelle nera di Mies Van Der Rohe e da una più informale B 64 – conosciuta anche come Cesca – del 1928. Quest’ultima fu opera di Marcel Breuer e nasce da una rivisitazione in chiave informale della cantilever dei due maestri Bauhaus: se i primi modelli erano in tubolare d’acciaio e pelle nera, la versione di Breuer presenta un tubo d’acciaio cromato e una seduta in paglia di Vienna. Non solo: Breuer progettò infatti una versione con braccioli che diventò un modello per molti altri designer.Sedia cantilever S33 dal design di Stam


Le evoluzioni e rivoluzioni della sedia cantilever non si contano, la sua linea diventa in men che non si dica un modello da cui designer passati e presenti prendono ispirazione. Granata ci ricorda, tra le innumerevoli versioni, la Panton Chair ideata da Verner Panton.
Vi lascio con una galleria di foto della sedia cantilever in varie reinterpretazioni moderne.
Se volete leggere tutto l’articolo cliccate qui: “Sedia Cantilever
Trovate gli altri articoli di Lavorincasa.it dedicati ad ArredaClick qui e qui.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>