Novità Calligaris al Salone del Mobile 2012: forma, colore, materia

Si sa che passare ore ed ore a camminare per il Salone del Mobile, oltre che rappresentare oltre ogni dubbio un’esperienza arricchente, stanca.
Devo confessare che la visione dello stand con le novità di Calligaris è letteralmente apparsa come un miraggio, un’oasi di bianco, minimalismo, essenzialità, costellata di oggetti dai colori sobri e riposanti.

Nessuna parete a bloccare la vista, solo uno spazio arioso con cubi bianchi che sorgono dal pavimento lucido a mostrare le nuove creazioni Calligaris. Trascinati come da una calamita i primi dieci minuti li abbiamo passati sul divano Alyon, creato da Pininfarina per Calligaris.
La grande novità 2012 è l’introduzione del legno liquido, un biomateriale composito riciclabile, prodotto con materie prime facilmente reperibili e rinnovabili. Il legno liquido è stampato come un comune polimero, garantendo la massima malleabilità ed alte prestazioni in termini di resistenza. Il primo prodotto realizzato con questo metodo è la sedia Skin: essenziale, eco-friendly e riciclabile.
Restando in tema natura, tra le novità abbiamo particolarmente apprezzato il tavolo in cristallo Acacia con una base in metallo a forma di tronco con tre ramificazioni che vanno a sostenere il piano.

Fedeli alla loro origini, i designer non si sono dimenticati di arricchire la collezione di sedie di Calligaris, con nuove forme, colori ed ispirazioni tra il moderno, il pop ed il vintage. Particolarmente interessante per linee, colori ed ampiezza di personalizzazione, la sedia arrotondata in policarbonato Bloom. In questo caso le foto dicono più delle parole.
La collezione Calligaris 2012 sarà presto disponibile anche su ArredaClick!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>