Miniforms: arredamento, tradizione…nudità

Miniforms: arredamento di design, tavoli dalle forme essenziali, sedie in legno originali, complementi d’arredo unici, credenze e mobiletti multimediali.
Così suonerebbe la definizione di Miniforms se entrasse nel vocabolario della lingua italiana.
Così come vogliono mostrarsi loro al mondo:

Giovani, dinamici, attenti ai dettagli, ma con un occhio di riguardo alla tradizione. E quando in arredamento si parla di tradizione si parla naturalmente di legno.

Creatività ed originalità contraddistinguono il marchio Miniforms. L’azienda, precedentemente Inveta, nasce nel 1962 e si specializza in tavolini e complementi.
Gli anni ’70 e ’80 vedono l’apertura a mercati internazionali e l’allargamento dell’offerta di prodotti a sedie, tavoli, librerie e soluzioni per la zona giorno. Nel 2009 Miniforms passa alla seconda generazione che da subito si lancia in un restyling estetico, portato avanti anche grazie al prezioso contributo di giovani designer italiani.
È grazie alla sinergia tra tradizione e innovazione che gli arredamenti e complementi Miniforms propongono uno stile giovane e grintoso. Il binomio si riflette anche nei materiali: protagonista assoluto delle collezioni rimane il tradizionale legno massello, accompagnato da aggiunte attuali che coinvolgono sia i materiali che le forme in cui essi vengono declinati.
Legno e colori vivaci e attuali, legno e acciaio, vetro e alluminio.
La disarmante semplicità di questi arredi li rende davvero irresistibili: sono essenziali, quasi nudi, si ispirano a un design minimalista senza però trasmettere il senso di freddezza che lo stile minimal può spesso comunicare. Merito del calore del legno?

Parlando di “nudità” non posso che pensare alla sedia Pelleossa.

sedia design

Sedia di design Pelleossa in legno e cuoio.

Sedia Pelleossa Miniforms nel ristorante milanese 28PostiStruttura letteralmente ridotta all’osso, con seduta in cuoio o tessuto. È stata scelta per arredare il ristorante milanese 28Posti, opera di design sociale la cui realizzazione ha svegliato l’interesse della celebre rivista di architettura e interior design Domus.

Non finisce qui, perché nel 2011 Miniforms riceve ben due riconoscimenti. Il tavolo Otto vince il Premio Young&Design. Otto è una eterea creatura del giovane designer Paolo Cappello, legato a Miniforms da una lunga “storia d’amore” fatta di prodotti di successo tra i quali c’è anche la famosa credenza Caixa con casse integrate e la scrivania Bardino con dock station.

Tavolo di Miniforms Otto. Design di Paolo Cappello.

Tavolo di Miniforms Otto. Design di Paolo Cappello.

Caixa di Miniforms: credenza multimediale ideale anche come porta-tv.

Caixa di Miniforms: credenza multimediale ideale anche come porta-tv.

Sono sicura che Miniforms non finirà di stupirci, basti pensare all’ultimo catalogo fotografico in cui l’attenzione per ambientazioni e colori ci fa già indovinare quale sarà il primo stand che visiteremo al prossimo Salone 2014. Guardate cosa sono stati capaci di fare al Salone del Mobile di Milano 2013 e aspettatevi grandi cose…

Clicca qui per scoprire tutti gli arredi Miniforms online su ArredaClick.com

tavolo miniforms

Tavolo di Miniforms Decapo e madia design Galena presentati al Salone del Mobile 2013

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>