Credenze, madie e vetrine moderne per il Soggiorno contemporaneo

“Ma la credenza si usa ancora?” chiede mia nonna, ottant’anni suonati, mentre si chiacchierava davanti ad un caffé nel suo soggiorno tutto fiori e soprammobili. Mia nonna la sua credenza anni ’50 ce l’ha ancora, lei però la chiama buffet, con tanto di pizzi e merletti su cui troneggia, estemporaneo, un tv al plasma. Ha anche la madia con la vetrina, imbandita di foto e bomboniere. Un tempo quella credenza ospitava i vinili, un giradischi e una collezione di liquori e caramelle. Ma questa è un’altra storia.
Nonna, le credenze si usano ancora ed anche le vetrinette, solo che ora sono madie e credenze moderne e colorate.
Zafferano, fiordaliso, bambù o addirittura azzurro Maldive, la madia Fast o la madia vetrina in stile vintage Swank diciamocelo, stanno bene anche in una casa moderna e giovane. Con tutti quei colori a disposizione non importa si chiamino buffet, credenze o madie, perché un posticino in soggiorno lo si trova anche per loro. Tanto più che la moda dell’arredamento retrò sta tornando in voga.
Lo abbiamo visto al Salone del Mobile 2012: tornano i legni e le essenze, scuri o alleggeriti da inserti colorati. Tornano le linee degli anni ’50 e degli anni ’60, mobili geometrici dalla silhouette pulita ed essenziale. Come la credenza con ante in legno di rovere Swank.
Per chi ama il design moderno ed essenziale, ma dall’ispirazione vintage, la credenza di design bifacciale Duble mantiene linee minimal e geometriche, alleggerite da spazi vuoti.
Si può usare a centro stanza, per dividere gli spazi in un monolocale o in un open space.
Moderno non si traduce per forza in design futuristico e forme eccentriche. Classica e moderna al tempo stesso la credenza sagomata Raffaello ripropone le forme classiche della credenza provenzale in una versione shabby chic, très chic aggiungerei, con maniglie a ricciolo e piedini bombati nella migliore tradizione delle credenze antiche.

Un pensiero su “Credenze, madie e vetrine moderne per il Soggiorno contemporaneo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>