Spegnete le luci. It’s Halloween!

Halloween tutto l’anno? Andare in ufficio travestiti da zombie, spettri, streghe e altre mostruosità…non è proprio una buona idea. Un giorno va bene, tutta la settimana “anche no” (passatemi la tipica espressione milanese).
Se siete degli appassionati di questa festività anglosassone e le atmosfere scure sono quello che fa per voi, in casa potete sbizzarrirvi con colori cupi, arredi in stile gotico e giochi di luce dal fascino tenebroso.Letto matrimoniale tessuto scuro WingPrimo ingrediente essenziale sono le pareti nere o in colori scuri come il viola, su cui giocare con quadri a tema o specchi collocati per creare effetti stranianti.Specchi Diamante cornice bianca o nera
Specchio moderno cornice barocca Madame Altro elemento caratterizzante è il ritratto: sarà per il celebre libro di Wilde, sarà per i numerosi racconti e film horror old school in cui siamo abituati a vedere il protagonista spiato da dietro gli occhi dei ritratti antichi appesi alle pareti di case tipicamente vittoriane. Mobili soggiorno PremiereTavolo elegante pendenti cristalloLa luce gioca un ruolo fondamentale: meglio d’atmosfera, niente faretti dalla luce troppo chiara, da preferire l’illuminazione soffusa. Perfette le lampade da terra e le abat jour con paralume in tessuto che scherma la luce diretta, diffondendola delicatamente all’interno della stanza.Libreria modulare KubicaPouf design luminosi MufficStile principe è senza dubbio il gotico con influenze barocche. Via libera alle strutture lavorate e ai dettagli “timburtoniani” (dal regista che per eccellenza ci ha raccontato la parte più fiabesca di questa festività pagana: Tim Burton).Poltron Proust Mendini MagisPoltrona barocca moderna HappyhourInfine…Halloween è oggi più che mai una festa dedicata ai bambini: siamo sicuri che questi due moderni Hansel e Gretel (favola decisamente horror!) sapranno insegnare una lezione alla strega con l’aiuto di un piccolo esercito di Puppy, magici cagnolini di design creati dal celebre designer Eero Aarnio.Pouf design bambini Puppy Magis

Tavoli da pranzo per un ritrovo in grande stile

Pranzo e cena sono i momenti della giornata in cui la famiglia si riunisce e trascorre piacevoli attimi insieme. Durante una così importante occasione è fondamentale avere un tavolo da pranzo attorno al quale il nucleo familiare possa ritrovarsi. Dal momento che su questo arredo grava una così grande responsabilità è bene scegliere il tavolo giusto, quello che si abbina perfettamente allo stile della cucina o del soggiorno.
Nelle proposte di Cantori lo stile si lascia definire dai materiali e dalle forme e si declina in molteplici espressioni e possibilità.

Rappresentante dello stile rustico è il tavolo Cosimo: le gambe a cavalletto donando un aspetto retrò che si abbia perfettamente alla finitura del piano ad “effetto consumato”. La particolarità della struttura, il legno massello e le venature a vista donano al tavolo quel tocco naturale che caratterizza gli ambienti di ispirazione rustica che richiamano ad uno stile campagnolo, pur mantenendosi su livelli di grande eleganza. A definire lo stile contribuiscono gli altri arredi presenti nella sala da pranzo e la scelta di colori tenui e delicati.

tavolo-da-pranzo-cosimo

Tavolo da pranzo Cosimo in stile rustico

Donatello è invece la proposta per un tavolo da pranzo in stile classico. Il nome richiama ad un grande scultore italiano vissuto nel ’300 e caratterizza alla perfezione questo tavolo che sembra un’opera d’arte prodotta dalle mani di un esperto maestro. Le gambe in massello di rovere sono lavorate in una forma classicheggiante che esprime grande ricercatezza ed eleganza e sono laccate in una tonalità che dona luminosità e raffinatezza.
Il tavolo Donatello può diventare il grande protagonista di una sala da pranzo, l’arredo funzionale che ricrea un’atmosfera passata ma intramontabile.

tavolo-da-pranzo-donatello

Tavolo da pranzo Donatello in stile classico

Per un tavolo in stile moderno è Malaga a farsi avanti. Le quattro gambe d’appoggio sono realizzate in ferro e presentano un originale taglio inclinato che dal piano si assottiglia mano a mano fino al punto d’appoggio a terra. L’aspetto leggero e sottile si abbina ad una grande resistenza e solidità data dal materiale e da un piano in legno massello di rovere dogato. Il design di Malaga si presta a cucine e sale da pranzo di abitazioni giovani arredate con uno stile minimal e moderno in cui tuttavia non si vuole rinunciare alla calda presenza del legno e del ferro.

tavolo-da-pranzo-malaga

Tavolo da pranzo Malaga in stile moderno

Uno stile chic richiede invece materiali e forme che si fanno notare, proprio come quelli del tavolo Atlante. La particolare struttura sorregge con apparente leggerezza il piano e cattura tutti gli occhi a sè. Il metallo cromato crea inoltre giochi di riflessi ripresi dal piano realizzato in vetro trasparente. Atlante è un tavolo capace di distinguersi e farsi notare, interprete di uno stile raffinato, elegante e di grande charme.

tavolo-da-pranzo-atlante

Tavolo da pranzo Atlante in stile chic ed elegante

Per vedere gli altri tavoli da pranzo proposti dalla stessa azienda che ha realizzato queste soluzioni è possibile cliccare qui.
Per visualizzare invece altre proposte per la sala da pranzo è possibile cliccare qui.

Un nuovo linguaggio per mobili di design in legno unici

I mobili in legno sono per eccellenza i più legati alla tradizione, quelli che da secoli arredano e impreziosiscono le nostre case. Spesso associato a stili classici o country, questo materiale è stato ampiamente rivisitato, soprattutto nel corso dell’ultimo anno.
Il Salone del Mobile dello scorso aprile ci ha fatto riscoprire i mille usi del legno, proponendoci arredi in cui questo nobile materiale è protagonista assoluto, plasmato in forme scultoree e modellato in linee inedite: una rilettura resa possibile dall’impiego delle ultime tecnologie in fatto di falegnameria, e dal genio visionario di molti designer.Mobili design in legno: tavolo Carioca con basi in legno massello di noce canaletto
Oggi più che mai design fa rima con legno e a dimostrarcelo sono aziende come Miniforms e Cattelan. Si tratta certamente di due linguaggi estremamente differenti e destinati ad un pubblico dai gusti decisamente diversi, ma con una cosa in comune: la conoscenza approfondita del mezzo e la volontà di reinterpretarlo attraverso mobili di design in legno ricercati, moderni, eleganti ed informali al tempo stesso.

In queste collezioni la versatilità la fa da padrone, siamo noi a decidere che veste dare al mobile attraverso i complementi e l’arredo circostante, attraverso il colore delle pareti ed oggetti decorativi caratterizzanti.
Cattelan ha fatto sua un’estetica basata su un’eleganza dal sapore squisitamente borghese, con ambienti raffinati, illuminazione e decorazioni grandiose. Allo stesso tempo il mix di materiali tradizionali (legno) e moderni (metallo, ferro, legno) permette di inserire gli arredi in ambienti di qualsiasi stile.Mobili design in legno: il tavolo Skorpio con piano in legno  e basamento in acciaio.Mobili di design in legno: tavolo Domino con gambe a effetto "ventaglio".Tra tavoli, credenze, consolle e complementi per la casa, assistiamo a collezioni in continuo divenire, sempre attente alle ultime tendenze ed al contempo fedeli alla tradizione.Mobili di design in legno: credenza Arabesque  ad effetto intarsiato.Mobili di design in legno: credenza Oxford con ante in legno e struttura laccata.Se ci dovessero chiedere dove risiede quella marcia in più che rende un mobile in legno anche un mobile di design, risponderemmo semplicemente con una parola e un’immagine…anzi due.
La parola è: OSARE. Le immagini le vedete qui sotto.Mobili di design in legno: consolle TourMobili di design in legno: mensole Pendola

Set di tavolini, perchè “two (or three) is megl che one”

Chi ha detto che tra gelati e tavolini non c’è collegamento? La celebre frase della pubblicità del gelato Maxibon e perfetta per presentare alcuni dei nostri set di tavolini da salotto. Certo, una piccola modifica è stata d’obbligo vista la natura dei nostri modelli; non solo “due è meglio che uno” ma a volte tre è ancora meglio!

Quando lo spazio lo consente o le necessità lo richiedono si può donare quel tocco in più al salotto inserendo tavolini in abbinamento, magari di dimensione o colori diversi.
È il caso del set di tavolini Mushroom la cui altezza li rende particolarmente ideali a lato del divano. La loro semplicità strutturale è abbinata ad una grande praticità: base d’appoggio per telecomando, quotidiani e riviste, tazze di thè o caffè; facilmente raggiungibili allungando solamente un braccio.

set-tavolini-mushroom

Tavolini Mushroom in vetro temperato laccato bianco extrachiaro

La zona fronte divano richiede invece un modello di tavolino che si sviluppa in lunghezza e non in altezza in modo da risultare comodo e pratico e non ingrombrare visivamente lo spazio frontale.
Bear e Step si sono addirittura fatti in tre e si presentano come un tris da salotto. I tavolini possono essere posizionati liberamente all’interno dell’ambiente oppure possono essere affiancati, allineatiincastrati “a matrioska”.

set-tavolini-bear

Tavolini Bear formati da un’unica lastra di vetro bianco extrachiaro curvata e lavorata.

Sono proposti in tre diverse altezze che permettono grande libertà di posizionamento e incastro e soprattutto consentono una disposizone sempre diversa ed originale.
Ogni volta che si desidera si può cambiare la collocazione di uno, due o addirittura tutti e tre i tavolini e donare così al salotto un aspetto sempre nuovo e diverso.

set-tavolini-step

Tavolini Step in lamiera laccata color tortora e bianco. Unico foglio di lamiera lavorato e curvato.

Overlap è invece la soluzione ideale per chi non vuole cedere al fascino dei set di tavolini ma non vuole comunque rinunciare a personalizzare il salotto ogni volta che lo desidera con un semplice gesto. Ad un primo sguardo Overlap appare come un unico tavolino ma in realtà questa configurazione a ponte è possibile solo dall’unione di due strutture che possono essere usate anche singolarmente e che si differenziano per dimensioni, forma e colori.

A volte è la forma irregolare ad ispirare l’accostamento di due tavolini, proprio come accade per Styling, Paper e Match. Le loro forme presentano dei tagli inclinati e diagonali che rendono quasi spontaneo l’affiancamento di un’altra struttura.

Voi cosa pensate? Two (or three) is megl che one?

Arredamento zona notte, nuove proposte Bonaldo

Il nuovo catalogo Bonaldo non trascura nessuna stanza della casa e i nuovi arredi e complementi vestono con stile ogni ambiente. Vi abbiamo già parlato di come design – legno – metallo siano il fil rouge che unisce le proposte per la zona giorno (Se vi siete persi l’articolo cliccate qui.) Madie, librerie, specchi, tavoli e tavolini si sono mostrati in tutta la loro bellezza e si sono fatti notare senza esitazione. Letti e comodini non sono certo da meno, anche loro hanno mostrato il profilo migliore e si sono lasciati fotografare. Ecco il risultato del loro shooting fotografico.

Camera da letto in stile minimalista
Protagonisti: letto Amlet e comò e comodini To Be

arredamento-zona-notte-bonaldo-letto-amlet-comodini-to-be

Quattro piedini leggermente inclinati sorreggono un sottile giroletto rivestito e una testiera dalla forma trapeizoidale.
L’aspetto minimal ed essenziale della struttura è esaltato dai dettagli: testiera con cucitura centrale e bordo colorato che riprende la nuance del metallo verniciato dei piedini, abbinabile anche alla struttura del comodino. Bianco, grigio antracite, verde menta, giallo zafferano, rosso e tortora accompagnano i numerosi rivestimenti ed impreziosiscono il letto.

Camera da letto in stile romantico
Protagonista: Letto Basket con testiera imbottita con pinces
Comparse: tavolino Kadou Coffee e comodino Duffy

arredamento-zona-notte-bonaldo-letto-basket-1

Abituati ad una classica testiera imbottita siamo rimasti piacevolmente colpiti quando abbiamo notato i pinces, ovvero piccole pieghe verticali a cucitura interna. In questa versione il letto Basket si mostra in tutta la sua eleganza e raffinatezza, dimostrando ancora una volta come siano i dettagli a fare la differenza

Protagonista: letto Basket con testiera alta
Comparsa: comodino Duffy

arredamento-zona-notte-bonaldo-letto-basket

Non ancora soddisfatto del suo aspetto il letto Basket si mostra anche in un’altra versione. L’alta testiera arrotondata ispira uno stile romantico e assicura un sonno regale e principesco.

Camera da letto in stile moderno
Protagonista: letto True Dream Tonight nel modello Dream On
Comparsa: libreria Note, tavolino Kadou Coffee

arredamento-zona-notte-bonaldo-letto-dream-on

Modernità si unisce a varietà e versatilità. Questo letto è disponibile in tre modelli: Dream On con snello profilo e sottile giroletto, True con giroletto a tutta altezza completabile con rete supplementare o cestoni laterali, Tonight con giroletto che nasconde un comodo e pratico vano contenitore.
Stile moderno / essenziale per Dream On, moderno / efficiente per True, moderno / funzionale per Tonight.

Protagonista: letto True Dream Tonight nel modello True

arredamento-zona-notte-bonaldo-letto-true

Protagonista: letto True Dream Tonight nel modello Tonight
Comparse: librerie di design April May June

arredamento-zona-notte-bonaldo-letto-tonightCome vi abbiamo già detto il catalogo Bonaldo non smette mai di stupirci ed ammaliarci. Se volete rifarvi gli occhi (e la casa) cliccate qui.

Sedie di design in plastica, un must di Infiniti Design

L’impiego di materie plastiche nel campo dell’arredamento può essere fatto risalire intorno agli anni ’60. In questo periodo, parallelamente al legno e al metallo, viene sperimentato l’utilizzo di questo materiale per realizzare modelli di sedute che soddisfassero estetica, funzionalità e praticità.
La prima sedia in plastica è Selene, prodotta nel 1967 dal designer Vico Magistretti; a seguire vi sono state altre sedie che hanno segnato la storia come ad esempio la Panton Chair del designer Verner Panton, fino ad arrivare alle sedute in plastica colorata di Kartell.
Un’azienda che negli ultimi anni si è distinta nella produzione di sedie in plastica è Infiniti Design. I modelli proposti sono di design, ispirati dalla voglia di osare e di sorprendere con forme strane e colori accesi senza sottovalutare comodità e praticità d’utilizzo.

Sedie di design in plastica: FORME STRANE

Sedia di design in plastica Callita Chair

Callita Chair riesce ad attirare a sè tutti gli sguardi mostrando semplicemente la sua sinuosa e serpeggiante forma. Anche le gambe a razza sembrano seguire l’andamento curvilineo della monoscocca non poggiando completamente a terra.
Callita Chair ha un’unica scocca, ovvero seduta e schienale sono formati da un unico “pezzo” di materiale plastico, nello specifico poliuretano rigido. È proprio la plastica a permettere la realizzazione di una forma così particolare e robusta; la lavorazione a cui è sottoposta garantisce infatti massima tenuta e resistenza.

Anche le sedie mostrate qui sotto hanno una forma originale. Cookie ha un particolare taglio laterale che crea dei comodi braccioli, Glossy ha uno schienale curvato e Next traforato. La plastica è facilmente lavorabile e se trattata può assumere ogni forma desiderata.

Sedie di design in plastica: IMPILABILI

Sedia di design in plastica My Way

La plastica è resistente e duratura e la sedia My Way ne è l’esempio. Il polipropilene caricato in fibra di vetro trattato con una particolare lavorazione permette di produrre una sedia dalle ottime prestazioni tra cui l’impilabilità. La possibilità di riporre le sedie una sopra all’altra garantisce un notevole risparmio di spazio in casa. Quando le sedute non sono utilizzate si può decidere di impilarle in un angolo della stanza senza nessun rischio di danno o rottura.

La comodità di una sedia di design in plastica impilabile è ben espressa anche nelle immagini proposte qui di seguito. Le sedie Drop e Margot possono essere impilate fino ad un massimo di 6 modelli, Loop addirittura 7.

Sedie di design in plastica: COLORATE

Sedia di design in plastica colorata Fiorellina

Le materie plastiche risultano facilmente trattabili e colorabili a piacere ed è per questo che sono il modello di sedute disponibile nella più grande varietà di colori e tonalità.
La sedia Fiorellina è infatti realizzata in polipropilene bianco, rosso, giallo, sabbia e antracite, ma le sedie Drop, Pure Loop e Next offrono una più vasta gamma che tocca, per esempio, anche l’arancione, il verde e il viola.
La scelta di una sedia in plastica permette quindi di giocare con i colori e adattare facilmente la seduta all’ambiente in cui viene inserita per creare continuità visiva o macchie inaspettate.

Dopo aver visto queste immagini è facile capire come plastica e design possano andare molto d’accordo, sposandosi perfettamente con anche altre caratteristiche fondamentali: ergonomia, funzionalità, praticità, valori estetici.

Per scoprire tutte le sedie firmate Infiniti Design in vendita su ArredaClick cliccare qui.
Per scoprire tutte le sedie in plastica in vendita su ArredaClick cliccare qui.

Un mobile per nascondere lavatrice e asciugatrice

Come non potevamo avere nella nostra collezione per l’arredo di bagno e lavanderia un mobile che nasconde lavatrice e asciugatrice?
In principio fu solo la lavatrice. Poi arrivò l’asciugatrice. Questo elettrodomestico non è ancora molto diffuso ma sta cominciando a prendere piede, date le dimensioni ridotte degli appartamenti contemporanei e la mancanza cronica di spazi in cui stendere la biancheria.
Certo, direte voi, se non c’è spazio per lo stendino, come può esserci spazio non per uno, ma addirittura per due grossi elettrodomestici come lavatrice e asciugatrice?
La risposta è: in mancanza di superfici orizzontali da sfruttare, approfitta di quella verticale in questo modo:

Mobile a colonna per lavatrice e asciugatrice.

Mobile a colonna per lavatrice e asciugatrice.

Colonna portalavatrice e asciugatrice  Blizzard

Mobili come la colonna lavanderia Atlantic e la colonna portalavatrice Blizzard permettono di sovrapporre i due elettrodomestici che così occupano uno spazio davvero limitato. La larghezza del mobiletto infatti è di soli 70 centimetri.
Nella parte più alta del modello Atlantic c’è anche un ripiano per detersivi, panni e altri prodotti per la pulizia che si vogliono lasciare fuori dalla portata dei bambini e non a vista.
Una volta chiuso il mobile porta lavatrice e asciugatrice si presenta come un semplice e curato armadietto, perfettamente abbinabile al vostro mobile bagno.

Mobile nascondere lavatrice asciugatrice

Una volta chiuso il mobile nasconde gli elettrodomestici. Le ante sono personalizzabili in numerose finiture, colori e con varie maniglie.

Colonna portalavatrice Blizzard (in secondo piano)

Se nel bagno avete più spazio e volete completare la colonna lavanderia con altri utili accessori che vi aiutino a tenere tutto in ordine, il nostro consiglio è quello di optare per una scarpiera, un portabiancheria sporca oppure un mobiletto per scope, aspirapolvere, secchi e detersivi.

A seconda delle vostre necessità e dello spazio a disposizione potrete optare per uno o per l’altro, ricordandovi sempre di dare la priorità alla funzionalità. Se il bagno è piccolo ed è l’unico che avete in casa, allora è meglio privilegiare un mobile che vi offra la comodità di reperire immediatamente oggetti e prodotti necessari per lavatrice e asciugatrice e per la pulizia. In questo caso infatti la scarpiera può essere collocata in altri punti della casa: un balcone, se lo avete, oppure quegli spazi dietro alle porte che rimangono sempre inutilizzati. Basta scegliere una o più scarpiere slim e posizionarle dove vi fa più comodo (dietro la porta in camera, in un disimpegno o in un corridoio, su un balcone, all’ingresso…).


Se invece avete un’intera stanza destinata ad uso lavanderia, l’ideale è condensare in questo ambiente tutti i mobili meno decorativi, ma più funzionali, della casa: il lavatoio, il mobile per lavatrice e asciugatrice, mobili portascope e detersivi, scarpiere, cesti per la biancheria, ripiani su cui riporre i panni da stirare, contenitori per asciugamani puliti e tutto quello che ritenete opportuno inserire in una lavanderia.Mobili per una lavanderia completa. Collezione Atlantic di ArredaClick.

100 di questi giorni a noi!

Buon Compleanno ArredaClick!torta-compleanno-6

Un anno fa ci siamo regalati un servizio fotografico e un video.
Il servizio fotografico “serio” lo trovate qui. Se la serietà non fa per voi, allora date un’occhiata qui sotto:


Questo era stato il nostro regalo per il compimento del 5° anno di attività di ArredaClick. Per il nostro 6° compleanno non potevamo che regalarci un nuovo studio fotografico.
Non solo per lo sfondo grigio delle foto qui sopra che ci aveva stancato, ma soprattutto perché ci sono grandi novità in arrivo e uno studio a regola d’arte si è reso indispensabile.studio-fotograficoNell’ultimo anno abbiamo lavorato duro, con il solito impegno e l’irresistibile voglia di buttarci in nuovi progetti che ci contraddistingue. Il work in progress è davvero continuo, come è giusto che sia in un’azienda fatta di persone giovani, provenienti da campi diversi e pieni di idee. I confronti (e a volte anche gli scontri!) sono inevitabili ma sono anche la marcia in più che ci permette di migliorare ArredaClick giorno dopo giorno sotto tanti punti di vista: la comunicazione, la grafica, schede prodotto sempre più user friendly, programmi di progettazione per rendere l’acquisto online sempre più semplice e alla portata di tutti.
Nell’ultimo anno hanno visto la luce le nostre cucine con il Visual Planner e il Color Viewer che permettono di progettare in autonomia una cucina e scegliere i colori.
A questa collezione si è aggiunta la mini cucina MiniSystem, nata da una bella collaborazione tra ArredaClick e Snaidero.
Stiamo lavorando per rilanciare il servizio Lista Nozze, abbiamo introdotto le Gift Card e la Newsletter, oltre ad un nuovo premio per i nostri clienti che possono inviarci le foto dei propri acquisti e vincere dei buoni sconto.
Le collezioni per l’arredo bagno e lavanderia crescono esponenzialmente e con questo anche il loro successo di pubblico.
Cucina, bagno, soggiorno, salotto, camera da letto, ufficio, giardino. Mobili, decorazioni, complementi, accessori…ArredaClick è CASA a 360°.
Last but not least: proprio qualche giorno fa avevamo annunciato che ad oggi ArredaClick è stato visto da 6.810.000 visitatori da 224 Paesi nel mondo.
Ne mancano solo 2: Sahara Occidentale e Corea del Nord.

6 anni non sono tanti, ma non si può dire siano pochi. Se infatti pensiamo al mondo dell’e-commerce e se pensiamo all’e-commerce nell’arredamento…siamo già un’azienda storica! Certo, per molti aspetti siamo ancora una start-up, intesa come una fucina di idee e progetti: abbiamo tanto da fare, tanto da imparare ma mille motivi per guardare avanti, a testa alta e continuare a remare verso nuovi orizzonti, per i prossimi 100…di questi giorni.

Idee per arredare casa: specchio per ingresso ad angolo

Specchio per ingresso ad angolo! Ecco cosa mancava nella lista degli oggetti del desiderio.
Dopo aver visto Rimpiattino non ho più avuto dubbi: diventerà la specchiera angolare per il mio ingresso di casa e la specchiera portabiti per la camera da letto.
Potrà perfettamente arredare due ambienti così diversi perché la sua semplicità strutturale è molto versatile e declinabile addirittura in tre modelli. Sarà perfetto perché occupa poco spazio e lo fa con eleganza e praticità risultando un soluzione piacevole alla vista e pratica all’utilizzo.

1 – Rimpiattino angolare con anta
Specchio ingresso angolare Rimpiattino
In questa versione Rimpiattino ha un lato fissato ad una parete e sfrutta gli angoli della casa che altrimenti rimarrebbero inutilizzati, offrendo anche una piccola vaschetta portaoggetti. A seconda dell’ambiente in cui viene inserito può diventare l’angolo spogliatoio o il vano portabiti. In camera da letto è sia specchiera sia il luogo in cui appendere i vestiti che si ha intenzione di riutilizzare o che si vuole avere a portata di mano; all’ingresso è il vano appendiabiti per giacche e cappotti, anche degli ospiti.

2 e 3 – Rimpiattino angolare fisso e frontale fisso
Specchio ingresso appendiabiti decorato Rimpiattino
Rimpiattino scelto nel modello fisso è dotato di un ripiano superiore con ganci e supporti per appendini girevoli ed è ideale ovunque se ne ha la necessità. All’ingresso permette di darsi un’ultima occhiata prima di uscire e di appendere giacche e sciarpe appena rientrati. Può svolgere la stessa funzione in un ampio corridoio o nella zona salotto di un monolocale o di un loft.

Rimpiattino entra di diritto negli oggetti del desiderio per arredare casa anche per il suo aspetto estetico. È disponibile con frontale a specchio interamente liscio oppure con decori che riproducono oggetti fashion come un cappello, una borsetta, un ombrello e occhiali da sole.
È un complemento d’arredo decorativo e funzionale al quale proprio non si può rinunciare.

Tavoli con struttura in metallo: 10 modelli per 10 stili

Il metallo in tutte le sue forme è un materiale tradizionalmente associato a resistenza, durevolezza e solidità: niente di meglio quindi che scegliere un tavolo con struttura in metallo. Stiamo parlando di uno degli arredi più sfruttati della casa, spesso utilizzato per molteplici funzioni ed in varie ore del giorno: a partire dalla colazione fino alla cena, passando per chi chi, per ragioni di spazio, usa il tavolo come piano di lavoro o fino a chi, con bambini e ragazzi in casa, lo vede destinato a compiti, merende, studio, disegni e opere d’arte in plastilina. In tutti questi casi il piano svolge un ruolo funzionale, per cui spesso si tende a scegliere un materiale pratico e facile da pulire. Per non rinunciare all’estetica puntate allora sulla struttura.
Il metallo consente la realizzazione di forme di ogni tipo, dalle più semplici e sottili alle più imponenti e scultoree. Vediamo allora la nostra scelta di 10 tavoli in metallo declinati in stili differenti.

Forme scultoree
A differenza del legno con il metallo è possibile creare strutture sottili e sagomate ma solide e resistenti, basta guardare Atlante per capire le potenzialità di questo materiale, in questo caso del ferro:Tavolo con struttura in metallo Atlante

Le curve al posto giusto
Tavolo da cucina dalle linee sinuose: se si pensa che il metallo sia solo per persone dai gusti rigorosi e maschili, Arturo smentisce del tutto questa convinzione proponendo un modello armonioso, leggero ed essenziale, dalle nuance delicate e dal look molto femminile.Tavolo con struttura in ferro Arturo

Il camaleontico
Ovvero: sembra legno ma non è. Ad una prima occhiata le gambe di Gustave potrebbero sembrare fatte di legno, in realtà è metallo effetto bronzo, qui abbinato ad un piano in noce canaletto.Tavolo con struttura in metallo bronzato Gustave

Mini architetture
Sembrano piccole struttura architettoniche le gambe in metallo laccato bianco di Logan. Piano in olmo dalle calde nuance e le caratteristiche fiammature in perfetta contrapposizione alla razionalità delle forme della struttura.Tavolo in metallo e legno Logan

Uno per tutti, tutti per uno
Tre gambe in ferro con finitura a bagno galvanica convergono al centro di un sottile piano rotondo in rovere laccato poro aperto bianco candido.Tavolo con struttura in ferro Milos

Meglio non prendersi troppo sul serio…
…la razionalità del metallo si sdrammatizza con colori d’accento e un piano naturale in pietra.Tavolo con gambe in metallo colorato Modulo

Classico incontra moderno ed è subito amore
Le forme sono quelle del tavolo classico, con gambe sagomate nella cosiddetta forma “a sciabola”. Le linee sono però stilizzate e ripulite dei fronzoli tipici del barocco, per un tavolo total white con gambe in alluminio laccato e piano dai profili scanalati come vuole la tradizione.Tavolo classico con gambe a sciabola in alluminio bianco Raffaello

L’industriale con il senso dell’ironia
Per industriale intendiamo lo stile che la fa da padrone nell’interior design contemporaneo. Le linee rigorose di questo elegante tavolo nascondono in realtà un piano in legno massello dai bordi piacevolmente irregolari, e gambe in metallo che ricordano delle putrelle ripiegate. Tocco inaspettato: una gamba guarda di qui, l’altra di là.Tavolo design con struttura in metallo Sigma

L’unione fa la forza
Si mimetizzano sotto uno strato di colore ma nascondono due anime ben differenti.
Le due strutture portanti di Threepeat sono infatti costituite da tre gambe, di cui due in metallo ed una in legno massiccio.Tavolo con struttura in metallo e legno massello Threepeat

L’icona
Il tavolo a gambe incrociate è ormai entrato nell’empireo del design. Le abbiamo viste colorate, dorate, cromate…ma che ne dite di questo travestimento raw design in perfetto industrial style? Questo è Big Table, di Bonaldo.Tavolo Big Table con struttura in acciiaio effetto ferro invecchiato