Mensole per la cameretta dei bambini

La cameretta dei bambini è la stanza della casa in cui trionfano i colori, le forme strane e, povere mamme, anche il disordine.
In una cameretta che si rispetti non possono mancare letto, armadio, scrivania per i compiti e contenitori per i giocattoli.
(Speriamo che nessun bambino legga quest’articolo altrimenti storcerà il naso quando vedrà che i giochi non sono la prima voce di quest’elenco.)
Un utile espediente per mantenere l’ordine e per arredare con semplicità sono le mensole. Ce ne sono per tutti i gusti: lineari, ondulate, contenitore, con o senza schienale, tinta unita o colorate. È davvero impossibile non trovare la mensola per la cameretta che soddisfi colori, necessità e gusti dei bambini.

La mensola Amber, ad esempio, è molto semplice e minimale ma di grande utilità. Lo schienale è utile per appendere la mensola alla parete e, allo stesso tempo, permette di non sporcare il muro. Amber è disponibile in 6 dimensioni standard ma può essere tagliata su misura; sappiamo benissimo che arredare la cameretta è un gioco d’incastri. 41 finiture offrono l’imbarazzo della scelta; potete far divertire i vostri bambini facendogli scegliere gli abbinamenti di colore preferiti.

mensole-cameretta-amber

La mensola Honey invece si allontana dalla classica idea di mensola che abbiamo ed è un vero tocco di originalità. Uno schienale rotondo ospita un piano orizzontale e uno a forma di “V”. A seconda del verso in cui si fissa alla parete la mensola cambia aspetto lasciando viaggiare la fantasia e la creatività dei bambini.

mensole-cameretta-honey

Pepper unisce due funzioni in un unico oggetto: mensola contenitore e appendiabiti. Tre comodi vani a giorno sono fissati in modo sfalsato su di una sorta di schienale, dotato di 4 ganci appendiabiti. Libri, giocattoli e oggetti vari possono essere riposti in modo ordinato sui ripiani mentre giacche, sciarpe e grembiuli di scuola e asilo possono essere comodamente appesi.

mensole-cameretta-pepper

Ed infine, per i bambini un po’ cresciuti vi è la mensola Root a forma di “L”. Dall’accostamento di più mensole possono nascere vere e proprie composizioni personalizzate che giocano sulle forme e sull’abbinamento di colori.
Tra le mensole fa capolino un disegno, per non dimenticare che, nonostante le linee formali di questo modello, si tratta sempre di una cameretta per bambini.

mensole-cameretta-root

Queste mensole sono dotate di supporti a scomparsa o posizionati sul retro dello schienale che assicurano corretto fissaggio alla parete, sicurezza di tenuta e totale invisibilità di qualunque elemento tecnico.
Un arredo deve soddisfare praticità ed estetica ma deve rispondere anche a norme di sicurezza, soprattutto quando viene utilizzato per arredare gli spazi dei bambini.

Nuovo catalogo Bontempi, un mix di tradizione e novità

È arrivato il nuovo catalogo Bontempi Casa.
Non stavamo più nella pelle e volevamo dirvelo subito ma un passo indietro è quasi d’obbligo.
I mesi che seguono le vacanze estive sono sempre i più frenetici per le ditte d’arredamento e, lasciatecelo dire, anche per noi di ArredaClick. È il periodo in cui vengono lanciate le nuove collezioni e le nostre scrivanie si riempiono di cataloghi che noi sfogliamo con eccitazione per ammirarne le novità. Dopo esserci rifatti gli occhi ci mettiamo subito al lavoro per far conoscere i nuovi arredi anche a voi e soprattutto per permettervi di acquistare i vostri preferiti. Sfido chiunque a non esclamare almeno una volta “Lo voglio!” guardando questi prodotti…

Il punto forte di Bontempi è sempre stata la produzione di tavoli e sedie. Siamo abituati ad arredi per cucina e soggiorno come il tavolo Artistico, il tavolo Cruz, la sedia Linda e la sedia Simba e ammettiamo di aver tirato un sospiro di sollievo quando, sfogliando il catalogo, li abbiamo ritrovati.

tavolo-artistico-bontempi

Il tavolo Artistico colpisce con il suo originale basamento caratterizzato da un intreccio di gambe colorate. È moderno, raffinato ed elegante; centro dell’attenzione e protagonista della casa.
Di tutto rispetto anche il tavolo Cruz che si distingue per la forma irregolare delle gambe e per il piacevole accostamento di cristallo e metallo. Presentato in questa delicata tonalità sabbia si abbina perfettamente alle sedie bianche Simba. Interamente rivestita in cuoio bianco, la sedia presenta gambe posteriori, schienale e seduta leggermente curvati e la sua silhouette di certo non passa inosservata.

tavolo-cruz-sedia-simba-bontempi

Non possiamo certo dimenticarci della sedia Linda, anch’essa rivestita interamente in cuoio. Gambe che si assottigliano leggermente verso il basso, schienale che sostiene la parte lombare del corpo fino ad ampliarsi per ospitare la schiena e cuciture in rilievo. Sono sicuramente queste le caratteristiche che rendono Linda un must have.

sedia-lindaRassicurati dall’aver ritrovato tavoli e sedie, siamo rimasti piacevolmente colpiti nello scovare anche molti complementi per la casa. Il catalogo Bontempi si è arricchito di quegli oggetti che arredano con semplicità e discrezione, portando una ventata di utilità e praticità.

L’appendiabiti Alga ricorda vagamente un albero stilizzato e i 12 rami, ops ganci, possono essere ruotati a piacere indipendentemente l’uno dall’altro.
Il tavolino portariviste Alfred gioca con le linee curve e i cerchi e riesce a nascondere la sua grande utilità mostrando una forma semplice e una struttura leggera. La parte centrale con profilo ovale è utile per appoggiare riviste e giornali.

_Z9H8964.tif

Per la famiglia dei tavolini Bontempi ha schierato anche Wizard e Basalto.
La forma del tavolino rotondo Basalto ricorda una grossa vite o ancora, uno sgabello per un tavolo da disegno. È ispirato ad un classico del design italiano, il tavolo Vidun di Vico Magistretti e dona un tocco moderno e spiritoso al salotto.
Il tavolino portariviste Wizard ha invece una forma troppo irregolare e strana per poterlo paragonare a qualche altro oggetto. È interamente realizzato in metallo ed è disponibile in 9 colori, dai più accesi rosso e giallo, ai più tenui cipria, celeste e verde chiaro.

tavolino-basalto-wizard-bontempi

Ed infine, ma non certo ultimo per importanza, vogliamo presentarvi il tavolino Tiffany. Sarà il nome che fa viaggiare la mente delle donne oppure sarà l’idea di poter fare la colazione a letto, di certo noi ci siamo innamorati di questo tavolino. Il peso è contenuto, due maniglie laterali permettono e facilitano lo spostamento, la sicurezza è assicurata anche grazie ad un vassoio da poter integrare al piano.
Consiglio ai meno romantici: Tiffany può essere posizionato anche a terra e usato come tavolino da salotto vicino al divano.

tavolino-tiffany-bonaldo

Il binomio tavoli & sedie è perfetto ed instancabile ma se ad esso si aggiungono anche i complementi il cerchio si completa. Bontempi è riuscito a fare tutto ciò mantenendo intatti i suoi punti forte e aprendo alle novità.

Tappeti d’autunno

La natura ci pensa da sola: il suo tappeto di foglie autunnali non glielo toglie nessuno.
In casa, invece, dobbiamo pensarci noi. Spariti dai nostri pavimenti all’inizio dell’estate, i tappeti tornano a adornare le nostre case: camera da letto, soggiorno e salotto in primis.
Ogni ambiente ha il tappeto che gli spetta: se in camera da letto si può indugiare in morbide superfici a pelo lungo e colori chiari, nelle stanze più vissute della casa si tende a optare per materiali funzionali, fantasie e colori.
La verità è che per gli amanti dei tappeti moderni c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Tappeto Ankara rosa antico feltro iuta.

Tappeto Ankara rosa antico in feltro e iuta.

Tappeto taftato lana Woolmark.

Il tappeto Kali è taftato e realizzato in lana certificata Woolmark.

Se il tappeto è destinato ad essere inserito sotto al tavolo da pranzo, meglio il cosiddetto tappeto a pelo corto o raso, tipo kilim. Questa è la scelta migliore sia a livello pratico (se il tavolo è utilizzato per pranzare e cenare, il pelo lungo non è certo indicato) che estetico (non vogliamo rovinare il tappeto marcandolo con le gambe del tavolo!).

Dalia tappeto fiori stilizzati rombi.

Dalia è un tappeto a doppia lavorazione: metà a fiori stilizzati, metà a rombi.

Fantasia o tinta unita? Dipende solo dai vostri gusti.

Se siete amanti dei tappeti in stile scandinavo, la scelta si divide tra il tinta unita rigorosamente bianco e le geometrie piacevolmente irregolari, sempre su rilassanti toni pastello.

Makalu è un tappeto in feltro bianco avorio con frange laterali.

Makalu è un tappeto in feltro bianco avorio con frange laterali.

Tappeto motivi geometrici avio sfondo bianco

Motivi geometrici color avio su sfondo bianco per Hatra.

Per i fan del vintage non mancano tappeti dai motivi geometrici anni ’70 e i patchwork artistici dei Sixties.

Tappeto in lana e poliestere ad effetto patchwork Vintage.

Tappeto in lana e poliestere ad effetto patchwork Vintage.

Tappeto per salotto Akita, tessuto a telaio in lana Woolmark

Tappeto in stile anni 70 Akita, tessuto a telaio in lana Woolmark.

I motivi astratti sono quelli che fanno per voi? Date un’occhiata qui sotto.

Tavolo dal design industriale sì, ma con classe

Vi sarete accorti dell’imperversare dello stile industriale nell’arredo casa. Non me ne vogliate, ma (con mio enorme sollievo) l’epoca del dominio shabby chic è finalmente moderata ed equilibrata da linee essenziali, materiali invecchiati e rovinati dai toni naturali, legno e metallo accostati a ricreare mobili semplici e funzionali.
Esponenti d’eccezione sono i tavoli che sembrano prestarsi in maniera particolare ad essere declinati secondo le regole dell’industrial style, sarà per il richiamo ai banconi di lavoro, sarà perché spesso il tavolo è protagonista assoluto della zona giorno, definendone con forza il carattere.
Niente paura, per avere una casa di tendenza non dobbiamo improvvisamente trasformarci in esperti restauratori e archeologi industriali. Per fortuna c’è sempre chi, attento agli ultimi trend, è capace di rinnovare le proprie collezioni e reinterpretare gli stili dominanti secondo il proprio linguaggio formale. E’ il caso di Bonaldo.

L’avevamo già notato al Salone del Mobile 2014: Bonaldo ci ha accolti in uno stand di grande effetto, dalle luci soffuse, gli ampi spazi e l’atmosfera rilassata. Ogni ambiente era caratterizzato da uno studiato mix di morbidi tessuti e metalli colorati: un effetto accogliente e al tempo stesso estremamente elegante.
Tra gli arredi presentati, il tavolo allungabile Tracks: gambe a cavalletto in massello, piano in raffinato cristallo, meccanismo d’allunga in metallo.
Tutti gli ingredienti dello stile industriale con un twist moderno: ed è qui che risiede il valore del design, nella rivisitazione e nell’unione tra vecchio e moderno.

Tracks è un tavolo allungabile di design dallo stile industriale rivisitato.

Tracks è un tavolo allungabile di design dallo stile industriale rivisitato.

D’altronde, di fare un tavolo in metallo e legno son capaci tutti. Sono la rilettura dello stile e l’adeguamento alla casa contemporanea a fare la differenza.

I dettagli che fanno la differenza

Il piano in cristallo e i binari in metallo: il cristallo alleggerisce l’aspetto complessivo del tavolo donandogli un tocco di eleganza. Non solo: permette di vedere attraverso e di scoprire tutta la bellezza del legno massello e l’ingegnoso meccanismo di allunga dalla forma a binario…”tracks“, appunto.
L’uso del colore sdrammatizza l’accostamento cristallo-metallo.

Dettagli del meccanismo di allunga.

Dettagli del meccanismo di allunga.

Il colore: il meccanismo di allunga è realizzato in metallo laccato opaco in vari colori RAL e Pantone. Passi il look rigoroso tipico dello stile, ma questo non significa arredare una casa austera e fredda. Un tocco di colore è quello che ci vuole.

Il legno massello: di tempo per farlo invecchiare e dargli l’aspetto vissuto ce n’è in quantità. Il legno massello, come si suol dire, “dura una vita”.
La forma a cavalletto è quella tipica del banco da artigiano improvvisato, dell’architetto fantasioso e del pittore naive. La linea è però stilizzata e armonizzata, rendendo il supporto resistente ed in grado di sostenere il pesante top in cristallo. Tra noce canaletto e frassino spazzolato naturale e grigio si possono creare abbinamenti ad hoc con i colori laccati, capaci di arredare ambienti dagli stili completamente differenti.

Tavolo Tracks con binari in blu RAL 5002.

Tavolo Tracks con binari in blu RAL 5002.

Tracks con meccanismo di allunga in laccato giallo zafferano RAL 1003.

Tracks con meccanismo di allunga in laccato giallo zafferano RAL 1003.

Non dimentichiamo la funzionalità: il tavolo si può allungare fino ad oltre 3 metri di lunghezza.

Siamo sicuri che questo modello sarà il prossimo candidato al Red Dot Design Award, di cui Bonaldo si è già aggiudicato il “Best of the Best” con il celebre Welded.
Guarda caso, un altro tavolo.

La casa si tinge dei colori dell’autunno 2014

BENVENUTO AUTUNNO!
Oggi, 23 settembre, è il primo giorno della nuova stagione e noi siamo pronti a presentarvi i colori dell’autunno 2014.

2014-fall-colors-pantone--

In realtà è stato Pantone, autorità a livello mondiale in fatto di colori, a eleggerli; noi ci siamo divertiti ad arredare un’ipotetica casa utilizzando queste tonalità.
Ecco le nostre proposte:

RADIANT ORCHID: “…una tonalità accattivante e versatile, che incanta l’intero spettro di colori…”
È una deliziosa armonia che ispira ed emana gioia, amore e salute, attraendo irresistibilmente con il suo seducente charm.
È il colore dell’anno 2014 e merita una posizione di rilievo, anche in casa. Per dargli la giusta importanza abbiamo scelto di renderlo il protagonista del salotto e di lasciargli colorare il divano Tresor.

radiant-orchid-

ROYAL BLUE: “…evocativo e solenne, conferisce una complessità ed un’emozione maggiore del navy standard, rimanendo comunque una tonalità molto versatile”.
La libreria di design April May June ha un aspetto maestoso ed imponente, proprio come il colore che potrebbe essere tradotto in “Blu Reale”. Nonostante l’importante altezza e la forte personalità, la struttura risulta leggera, elegante e perfetta per molti ambienti della casa, proprio come è molto versatile questo colore.

royal-blu

ALUMINUM: “…è una colorazione inox futuristica, rappresenta una tinta neutra ma al contempo complessa…”
È il colore associato al metallo, valorizzato ancor di più da giochi di riflessi e sfumature. È una tonalità fredda e neutra che noi abbiamo voluto scaldare scegliendo la lampada Calimero come rappresentante. Il calore emanato dalla lampadina e la luce d’atmosfera prodotta sanno valorizzare al meglio questa tinta.

aluminium-

AURORA RED: “…una tonalità ancora più sofisticata che aggiunge vivacità e scintille…”
È un rosso caldo e brillante, una sfumatura stimolante e coinvolgente capace di ravvivare qualsiasi ambiente.
Le gambe sottili e slanciate dello sgabello Milk sembrano riprendere alla perfezione i significati nascosti dietro a questo colore: un brivido, un salto impetuoso ed entusiasmante, una scarica di adrenalina.

aurora-red-

MISTED YELLOW: “…un raggio di sole e calore, l’ottimista giallo allude alla promessa della primavera che verrà…”
È un tocco di colore inaspettato e improvviso nella stagione autunnale. È acceso, brillante, lucente e raggiante e porta con sè l’ottimismo che la stagione più calda e soleggiata arriverà.
Per riproporre questo colore in casa abbiamo scelto il tavolino Icaro, arredo che può essere visto come una macchia inattesa che fa capolino tra il resto dell’arredamento del salotto.

misted--yellow-

SANGRIA: “…un rosso esotico che evoca un senso di avventura dal fascino irresistibile e destinazioni lontane…”
Una tonalità di rosso scuro che ricorda quasi la vinaccia, sia per le sfumature sia per il nome. Colore brioso, attraente e quasi ammaliante, proprio come un buon bicchiere di sangria.
Noi abbiamo scelto la sedia Yeats con rivestimento in ecopelle, ideale per donare tocchi di questo colore in cucina, in soggiorno o addirittura in camera da letto.

sangria--

MAUVE MIST: “…una sfumatura romantica ed elegante del viola, ricorda l’epoca decò e stimola un senso di femminilità e potere…”
Il colore è un chiaro richiamo al mondo femminile e a qualcosa di tenue e delicato. Quale luogo migliore del bagno per dedicarsi a dolcezze e cure personali?! Ed è proprio il mobile bagno Dixi Aquna 103 il nostro portavoce.

mauve-mist-

COGNAC: “…il nome da solo induce ad illusioni glamour. Un marrone colto ed elegante che trasforma un colore tipicamente autunnale in un regno sontuoso, una tonalità inaspettatamente perfetta per la sera…”.
Di grande fascino e charme è anche la poltroncina Carmen dalla forma avvolgente e fasciante. Il colore Cognac è l’ulteriore dettaglio di stile che la elegge regina del regno-casa durante la stagione autunnale.

cognac-

BRIGHT COBALT: “…è un’originale alternativa al blu cobalto tradizionale, trait d’union dei blu di questa stagione…”.
Sembra essere una tonalità fredda e distaccata ma in realtà è un colore che subito colpisce.
In questo caso abbiamo scelto di far sfilare la credenza Code e la sedia Tina per dimostrare come un colore simile possa diventare il tocco insolito e inaspettato che tanto ci vuole in casa.

bright-cobalt-

CYPRESS: “…un maestoso e forte verde; come il nome suggerisce, questa tonalità ha la presenza imponente di uno splendido sempreverde…”.
Il nome non è certo stato scelto a caso: come il cipresso è un albero sempreverde, così il colore cipresso è una tonalità che non stanca mai.
La parete attrezzata Igea ha alcuni pensili sospesi in questa sfumatura e arreda con autorevolezza il soggiorno, senza mai risultare pesante.

cypress-

Ora tocca a voi! Come avete intenzione di inserire questi colori nella vostra casa?

Zartan di Philippe Starck, sedia dal design ecosostenibile

“Dalla testa ai piedi Zartan è del tutto naturale. L’alta tecnologia ecologica esplora i benefici di bambù, lino, canapa, … Per capire quello che la vita di tutti i giorni diventerà domani.” (*)
È con queste parole che il designer Philippe Starck descrive la sedia da lui progettata per Magis ed è in queste righe che è racchiusa la caratteristica principale di Zartan, ovvero il materiale con cui è realizzata.

philippe-starc-zartan-chair

Designer Philippe Starck e la sedia Zartan Basic in arancio

Facciamo un passo indietro: nel 2011 al Salone del Mobile di Milano è stato presentato un prototipo di questa sedia che prevedeva l’utilizzo di un materiale naturale definito “legno liquido”. Esso era composto da una polvere di legno di scarto unito ad altre fibre, a cera o ad olio di pesce, fino ad ottenere un materiale dalla resistenza molto simile alla plastica, non tossico e biodegradabile.
Partendo da questo progetto e unendo l’esperienza di Philippe Starck, Eugeni Quitllet e Magis, è stata concepita la sedia Zartan, interamente realizzata in polipropilene riciclato con l’aggiunta di fibre naturali, di vetro o di legno.
Il polipropilene è un materiale plastico ottenuto da un’accurata lavorazione e noto per avere una buona resistenza alla temperatura, alla trazione, alla compressione e all’abrasione e per la sua capacità di non assorbire acqua.
Le fibre naturali sono materie prime già presenti in natura che richiedono minimi impatti ambientali per la loro raccolta e lavorazione.
Le fibre di vetro sono sottilissimi strati di vetro che dato il loro diametro inferiore al decimo di millimetro perdono la loro fragilità, acquistando al contrario una grande resistenza.
Le fibre di legno sono sottili filamenti di legno, di solito pressati insieme fino a formare dei pannelli di diverse dimensioni e spessore.

Queste informazioni un po’ tecniche sono quasi d’obbligo per comprendere come Zartan possa essere definita una “sedia ecologica” e dal design ecosostenibile.
Il design sostenibile produce infatti arredi utilizzando materiali non tossici, riciclati o naturali, lavorandoli con processi che mirano al risparmio energetico assicurando resistenza, durata nel tempo ed ottime performance.

La sedia Zartan è disponibile in tre diversi modelli:
Zartan Basic: polipropilene riciclato + fibra di vetro;
Zartan Raw: polipropilene ricliclato + fibra di legno;
Zartan Eco: polipropilene riciclato + fibre naturali.

zartan-chair-philippe-starck

Sedia Zartan: modello Basic verde chiaro, modello Row marrone, modello Eco grigio

In un’era in cui risparmio ambientale, impatto zero ed ecostostenibilità sono tematiche che stanno a cuore a sempre più persone e nazioni, produrre una sedia che rispetti tutte queste caratteristiche è un enorme passo avanti per l’arredamento.
I consumatori sempre più attenti all’ambiente e ai prodotti che acquistano possono essere fieri dei passi compiuti e dei risultati raggiunti.

(*) dal sito ufficiale di Philippe Starck: “From head to toe Zartan is entirely natural. The high-tech ecological explores the benefits of bamboo, flax, hemp, … To understand what every day life will be tomorrow.”

Idee per arredare casa: baule di design

La nostra rubrica “Idee per arredare casa” oggi si arricchisce di un oggetto del desiderio dal gusto antico ma dall’uso ancora attuale.
Non dilunghiamoci in altre parole e presentiamolo subito: è il baule di design Mimetic.

baule-design-mimetic

Forma e caratteristiche fanno venire alla mente i bauli dei pirati pieni di monete d’oro e oggetti preziosi. Ma, a meno che voi vogliate utilizzarlo per custodirci i vostri tesori e gioielli, torniamo con i piedi per terra.
Mimetic è un baule dalle mille potenzialità ed utilizzi, è perfetto in camera da letto, in salotto, in bagno ed anche in taverna e soffitta.
La sua caratteristica principale è quella di essere un “contenitore multiuso” e quindi può essere utilizzato per riporre gli oggetti più diversi.
In camera da letto può essere il comodino in cui conservare libri, lettere e fotografie; ai piedi del letto può essere utilizzato a mo’ di cassapanca per lenzuola, coperte e cuscini. In salotto vicino al divano può contenere ancora coperte e cuscini, oppure libri e riviste, posizionando sulla superficie superiore piccoli suppellettili e una lampada da tavolo.
In bagno può diventare la cesta della biancheria sporca o il luogo in cui riporre in modo ordinato gli asciugamani puliti.
E se ancora non siete contenti potete posizionarlo in taverna o in soffitta e utilizzarlo come contenitore per gli oggetti che più desiderate.

Chi è alla ricerca di un oggetto dall’aspetto unico e dal sapore un po’ d’altri tempi capace di donare originalità e stravaganza all’ambiente è approdato nel posto giusto.
Ogni particolare di questo baule è studiato nei minimi dettagli perchè non deve solo contenere ma deve anche catturare l’occhio di chi lo guarda.
La solida struttura in multistrato di pioppo è rivestita con tessuto mimetico tinto nelle sfumature del vedere e del sabbia. I profili sono in metallo verniciato nero anticato argento, completati da piccole borchie e da serratura. L’interno è foderato in tessuto nero con logo Modà, nome dell’azienda brianzola che lo produce.

Mimetic non solo è un oggetto dei desideri per chi ha gusti ricercati e sa apprezzare e valorizzare un arredo simile, ma è anche un oggetto di design, presentato al Salone del Mobile 2012.

Tavolino Muffin paparazzato a Bake Off Italia 2

Abbiamo paparazzato un altro complemento d’arredo!
Forse un po’ geloso della presenza della madia Ergon a “I Cesaroni 6″ e della comparsa di Papillon, Peanut, Pebble e Tree al Festival Del Cinema di Venezia 2014, anche il tavolino Muffin si è mostrato in televisione.

L’abbiamo catturato sul set di Bake Off Italia 2, talent in onda su Real Time, condotto da Benedetta Parodi. I concorrenti sono appassionati di cucina e si dilettando a infornare torte e dolci che riceveranno il giudizio di due esperti del settore, il pasticciere cuoco Ernst Knam e la giornalista e direttrice editoriale Clelia D’Onofrio.

Accanto a lunghi banconi da cucina, credenze con numerosi ingredienti, frigoriferi e forni c’è il tavolino Muffin.

tavolino-bonaldo-bake-off-2 tavolino-bonaldo-bake-off-1Gli scenografi non devono certo averlo scelto per caso. La forma ricorda quella degli stampini usati per preparare i famosi dolci americani che inoltre danno il nome a questo complemento d’arredo. Quale scelta migliore per una cucina?!
Sul set Muffin è utilizzato come tavolino ma nulla vieta di usarlo anche come pouf o seduta. Il resistente materiale plastico con cui è realizzato e i numerosi colori in cui è disponibile lo rendono pratico e versatile.

(Immagini prese dalla pagina Facebook di Bonaldo)

Un ospite d’eccellenza a “I Cesaroni 6″

I mobili Made in Italy spopolano anche in televisione. Nemmeno la fiction “I Cesaroni 6″ ha saputo resistere al fascino di un arredamento originale e di design e ha inserito nelle ambientazioni della nuova serie un ospite d’eccellenza: la madia Ergon.

cesaroni-6-credenza-ergon

Madia Ergon sul set televisivo de “I Cesaroni 6″.

Nella casa di Sofia Scaramozzino, nuovo personaggio della fiction, trionfa in un angolo questo arredo.
Regista e produzione hanno scelto Ergon nella versione madia a due ante con intarsio “Senese” ovvero formato da listarelle di legno disposte in modo da formare un motivo geometrico.

Lo ammettiamo, siamo un po’ di parte, ma per noi Ergon è sicuramente l’arredo più bello di quest’ambientazione. Dalle facce divertite e sorridenti dei protagonisti siamo certi che anche a loro piace molto.
:-)

cesaroni-6-credenza-ergon-00

Arredi Bonaldo tra le star del Festival del Cinema di Venezia

Dal 27 agosto al 6 settembre 2014 Venezia è stata la capitale internazionale del cinema. Durante la 71° edizione del Festival del Cinema sono stati proiettati numerosi film che hanno ricevuto il parere della critica e hanno visto assegnare il premio Leone d’oro. Star internazionali hanno calpestato il tappeto rosso e si sono concessi alle foto dei numerosi fotografi. Ma i personaggi famosi non sono stati gli unici protagonisti di questo evento. Sotto lo sguardo attento di appassionati ed esperti sono finiti anche gli arredi scelti per l’occasione.
L’area longue del Lido di Venezia, adibita all’accoglienza delle celebrità, è stata arredata con articoli firmati Bonaldo.

Le star hanno potuto sedersi sul divano di design Papillon e sul divano componibile Peanut, affiancati dal tavolino Pebble e dall’appendiabiti Tree.

arredi-bonaldo-lido-venezia-festival-del-cinema-00

Per questa zona, scenografi e responsabili hanno scelto un arredamento informale e pratico ma di grande impatto visivo e soprattutto di design Made in Italy.
Il divano Papillon è stato scelto in un acceso e brillante rosso, in netto contrasto con il verde dell’erba sintetica posata per l’occasione. Ai lati il morbido divano Peanut B in tessuto con cuciture pizzicate a vista; al centro il tavolino contenitore Pebble, realizzato interamente in materiale plastico bianco. A completare il tutto un appendiabiti nero a forma di albero, dettaglio moderno e accattivante.

arredi-bonaldo-lido-venezia-festival-del-cinema-02A differenza dei film l’area longue non ha visto il parere della critica, ma se proprio volessimo dare un giudizio il nostro pollice è rivolto verso l’alto e il nostro voto è positivo. Ottime scelte e allestimento riuscito!

(Immagini prese dalla pagina Facebook di Bonaldo)