Pouf: originali, comodi e versatili

Se leggete o sentite pronunciare la parola “pouf” cosa vi viene in mente? A me questo…

pouf-babol

Morbido, elastico ed avvolgente, un oggetto che risponde alla forma e ai movimenti del corpo. Una poltrona “sacco” dalle forme più diverse in cui potersi comodamente sedere o sdraiare per leggere, parlare con amici o semplicemente per rilassarsi. Un prodotto leggero, facile da spostare che riprende la forma originale dopo l’utilizzo. In una parola sola mi viene in mente Babol.

I designer però non hanno messo freni alla fantasia e alla sperimentazione e hanno prodotto diverse soluzioni. Quando si parla di pouf si fa riferimento ad infiniti complementi d’arredo che si differenziano per forma, colore, dimensioni e materiali.

Bourby ha una forma quadrata ed è rivestito in tessuto, pelle o ecopelle con una lavorazione trapuntata, chiara espressione della manualità ed artigianalità con cui è prodotto. In pelle è elegante e raffinato, perfetto per il mobile toilette della camera da letto; in tessuto a colori vivaci è fantasioso, ideale in salotto vicino al divano.

pouf-bourby

Mendez ha una forma a tronco di cono ed è disponibile in due dimensioni, in un’ampia gamma di rivestimenti sfoderabili. Trova la sua collocazione ideale vicino al divano, per appoggiare comodamente i piedi mentre si guarda la televisione, per posare giornali e riviste o semplicemente per donare un tocco di colore all’ambiente.

pouf-mendez

Il design anticonvenzionale fa di Gomitolo un pouf originale ed accattivante. Il nome è la spiegazione della sua forma: come un intreccio di fili, Gomitolo è composto da un intreccio di corda. La struttura è sorretta da piedini di appoggio in metallo con feltro per evitare graffi al pavimento o parquet.

pouf-gomitolo

Ma non è tutto, un pouf può essere anche contenitore, è il caso di Plissè. Realizzato artigianalmente in ecopelle, ha un pratico ed utile vano in cui poter riporre piccoli oggetti e riviste. Aiuterà a tenere il ordine l’ambiente.

pouf-plisse

Per non dimenticare i più piccoli Oiva Toikka ha realizzato per Magis Dodò, un pouf dondolo per bambini in polietilene. E’ compatto e leggero e può essere utilizzato anche all’esterno.

pouf-dodo

Guardate questa gallery di foto di pouf per scoprire come questi oggetti possono arredare la casa in modo originale ed unico.

Mobili ingresso: valorizzare lo spazio in modo funzionale

L’ingresso delle nostre case è forse lo spazio più sottovalutato e meno valorizzato. In pochi sanno che con piccoli accorgimenti si può rendere questo spazio più accogliente per gli ospiti e più funzionale per il proprietario di casa. La soluzione si può riassumere in due parole: mobili ingresso.
Quante volte rientrati in casa appoggiamo la borsa per terra, la giacca sul divano e le scarpe vicino alla porta? In questo modo creiamo solo confusione e disordine nell’ambiente, e lasciatemelo dire, non sono neanche atteggiamenti molto igienici.
Sarebbe ideale attrezzare l’ingresso con mobili intelligenti e multifunzione, capaci di valorizzare lo spazio e garantire ordine all’ambiente.

Se l’ingresso della vostra casa è poco spazioso optate per una composizione semplice: specchio, mensola e ganci appendiabiti. Demo riesce rendere funzionale una parete che altrimenti sarebbe rimasta inutilizzata. L’originale curvatura della mensola ricorda un’onda e l’insieme è elegante e poco invasivo.

mobile-ingresso-demo

Se preferite un’idea ancora più minimal e salvaspazio il pannello Cambridge F10 fa al caso vostro: tre ganci appendiabiti e uno specchio a figura intera. L’ingombro del pannello è minimo grazie ai soli cm 1,8 di spessore e il grado di personalizzazione è alto. E’ possibile scegliere la finitura tra diversi laminati effetto legno, tra specchio rettangolare o ellittico e il verso della composizione.

mobile-ingresso-cambridge-f10

Per sfruttare al massimo ogni angolo della casa in modo elegante e pratico scegliete Rimpiattino. Pannello composto da uno specchio liscio o con serigrafia satinata a motivo Ramage o Fashion e vano portabiti. Offre la possibilità di appendere giacche e riporre piccoli oggetti sulla mensola e soprattutto di nascondere il tutto dalla vista.

mobile-ingresso-rimpiattino

I mobili da ingresso possono essere anche pratici divisori per dividere l’ingresso dal soggiorno o dal salotto offrendo superfici d’appoggio che non guastano mai.
Holas è un mobile da ingresso bifacciale con mensole per esporre soprammobili, libri o altri piccoli oggetti e un’anta a specchio scorrevole che nasconde un vano appendiabiti. E’ perfetto per “darsi un’ultima occhiata” prima di uscire di casa.

mobile-ingresso-holas

Un mobile con anta interamente in specchio aiuta a donare profondità ad uno spazio piccolo, se in più riesce a nascondere gli antiestetici quadri della corrente allora il successo è assicurato. Wayne è un mobile ingresso sospeso semplice, essenziale e anche movibile. Ad un primo colpo d’occhio è uno specchio ma ad un’analisi più attenta è anche un contenitore che può essere equipaggiato con ganci appendiabiti, ripiani in vetro e vani scarpiera.

mobile-ingresso-wayne mobile-ingresso-wayne-

Le case che hanno un maggiore spazio a disposizione all’ingresso possono essere attrezzate con Nevada E04. Pannello con ganci appendiabiti, mensola superiore e contenitore con anta a ribalta. Più spazio a disposizione significa più spazio dove riporre oggetti. Giacche e sciarpe possono essere appese agli eleganti ganci, le borse appoggiare sulla mensola o sopra il contenitore, scarpe o oggetti vari riposti all’interno del contenitore.

mobile-ingresso-nevada-04

Per un ingresso da fare invidia a molti e per una soluzione veramente salvaspazio c’è Cambridge F17. Ganci appendiabiti, 12 ripiani che possono contenere fino a 39 paia di scarpe e kit stiro, tutto in un unico mobile.

mobile-ingresso-cambridge-f17

Vi lascio con una gallery di foto di mobili ingresso, le soluzioni per dare ordine all’ambiente in modo strategico e funzionale possono essere davvero molte…

Tavolini da fumo, da caffè, da tè…ma quanti vizi hanno i tavolini da salotto?

Nel corso della storia li abbiamo chiamati tavolini da fumo, tavolini di servizio, tavolini da caffè, tavolini da tè: ma alla fine non sono altro che tavolini da salotto che, insieme ai divani, costituiscono l’accoppiata vincente di ogni salotto che si rispetti.
Da caffè, da tè, da fumo: sono attributi che ci parlano di una storia, la storia di un mobile che ci accompagna da tempo e che ci affianca nei vari momenti di relax (e nei vizi) che tutti noi ci concediamo durante la giornata.
All’ora di scegliere il perfetto tavolino, nostro compagno di ozio, abbiamo solo l’imbarazzo della scelta: i materiali vanno dal legno al vetro, passando per il marmo e i metalli; i colori, non c’è bisogno di dirlo, sono innumerevoli; le forme, che ve lo dico a fare, di tutti i tipi.
Vediamo alcuni modelli rappresentativi.

Forme particolari
Sagomato e con secondo piano girevole Atollo Twin ha il piano in cristallo verniciato e la struttura rivestita in tessuto elasticizzato.

Atollo Twin è un tavolino sagomato, con piano superiore girevole.

Atollo Twin è un tavolino sagomato, con piano superiore girevole.

Semplice eleganza
City è un tavolino ricercato ma dalle linee semplici, impreziosito dal metallo in finitura rame e dal piano in marmo scuro.

Tavolino semplice ma raffinato, City ha un piano in marmo Elegant Brown.

Tavolino semplice ma raffinato, City ha un piano in marmo Elegant Brown.

Colore
Collage è una collezione di tavolini di varie forme realizzati in metallo verniciato opaco. I colori disponibili sono tanti e permettono di creare composizioni – collage, appunto – multicolore, da abbinare a vari arredi del salotto oppure per donare un tocco di colore ad ambienti monocromi.

Gruppo di tavolini da salotto colorati Collage.

Gruppo di tavolini da salotto colorati Collage.

I multifunzione
Se di vizi si parlava all’inizio del post, il tavolino tridimensionale Copenhagen è sia portariviste che libreria. Sicuramente il compagno perfetto per uno dei vizi più belli del mondo: la lettura.

Tavolino con vani portariviste e libri Copenhagen.

Tavolino con vani portariviste e libri Copenhagen.

E parlando di multifunzionalità non poteva certo mancare un tavolino trasformabile: E-Motion è regolabile con un telecomando, si alza e si allunga trasformandosi in un tavolo da pranzo in poche mosse.

Tavolino E-motion regolabile in altezza tramite un telecomando.

Tavolino E-motion regolabile in altezza tramite un telecomando.

Design
Contemporaneo per Drapery, dal sapore vintage per Gaudo in vetro e legno massello finito ad olio 100% non chimico.

Drapery è un tavolino di design di Nathan Yong per SpHaus.

Drapery è un tavolino di design di Nathan Yong per SpHaus.

Tavolini da salotto in stile modernariato vintage. Gaudo di Miniforms.

Tavolini da salotto in stile modernariato vintage. Gaudo di Miniforms.

Materiali in primo piano
Ci sono arredi in cui il materiale, per qualità e tecniche di lavorazione, è assoluto protagonista.  
Land propone linee ispirate a tavoli e tavolini in stile neoclassico. Legno e marmo si accostano per creare un modello ricercato che può essere inserito in ambientazioni moderne o classiche. Trasformista e versatile, Land è infatti realizzabile in numerose finiture, anche con spiazzanti inserti fluo.

Land è una collezione di tavolini classici in legno massello lavorato.

Land è una collezione di tavolini classici in legno massello lavorato.

Scultoreo Scacco. Tavolino modernissimo per ambienti minimalisti.

Scacco con base in marmo di Carrara scolpita.

Scacco con base in marmo di Carrara scolpita.

Il trasparente Taky è composto da un’unica lastra di vetro curvata dello spessore di 12 millimetri.

Tavolino Taky completamente realizzato in vetro.

Tavolino Taky completamente realizzato in vetro.

Rettangolari, quadrati, sagomati, rotondi, triangolari, a forma di fiore e perfino a spirale e di yo-yo. Non ce la farò mai a riunirli tutti qui, ma vi lascio con una fitta gallery di foto di tavolini da salotto a cui sarà difficile resistere.

Foto lampade…a volte le immagini contano più delle parole

Illuminano, colorano e creano atmosfera, sono le lampade, complementi indispensabili in qualsiasi ambiente. Non esiste casa che non ne abbia una; che sia da tavolo, da terra, a sospensione, da soffitto, a parete, da incasso poco importa. Il mondo del “Lighting Design” è infinitamente vasto e offre l’imbarazzo della scelta tra stili, colori e forme.
Il primo passo da compiere per trovare la lampada perfetta è quello di scegliere il modello: attaccata al soffitto o pendente? Appoggiata su un tavolo o per terra? Applicata o incassata in una parete?

Lampade da tavolo

lampade-tavolo-elena

Elena di Cantori è interamente realizzata in ottone in finitura nichel lucido o argento antico. La struttura snodabile termina con un paralume curvato. E’ perfetta in salotto su un tavolino lato divano per avere luce mentre si guarda la televisione, sul comodino vicino al letto per leggere prima di dormire, sulla scrivania in casa o in ufficio.

Lampade da terra

lampade-terra-raduga

Raduga di Cattelan Italia è realizzata in acciaio inox satinato con paralume circolare lucido. La sottile struttura ad arco è ben sostenuta dal basamento in marmo di Carrara bianco o in marmo di Marquina nero. Perfetta per illuminare il tavolo da pranzo, la zona divano in salotto o la scrivania dirigenziale di un ufficio.

Lampade a sospensione

lampade-sospensione-dream

Dream di Cattelan Italia è una lampada a sospensione elegante e raffinata con paralume in lino naturale. E’ perfetta sia in soggiorno che in salotto, unendo più elementi è possibile creare composizioni per illuminare per esempio lunghi tavoli da pranzo.

Lampade da soffitto

lampade-soffitto-orbita

Orbita ha un design futuristico caratterizzato da una struttura in metallo cromato a orbite ellittiche che ricordano il movimento dei corpi celesti e degli elettroni. Queste orbite terminano con un piccolo corpo luminoso capace di creare scenici giochi di luci.
Perfetta in qualsiasi ambiente della casa, impreziosisce il soffitto.

Lampade da parete

lampade-parete-papillon

Papillon è una lampada applique, detta anche “da parete”. Composta da tre fasce in metallo sagomato a laser piegato a mano unite in modo da creare una forma avvolgente. Posizionata all’ingresso della casa, lungo il corridoio o sulla parete del salotto, riesce ad illuminare l’ambiente in modo discreto.

Lampade da incasso

lampade-incasso-electra

Electra è una lampada realizzata in gesso e incassata a muro. Una volta installata può essere tinteggiata con il colore della parete per creare un particolare effetto ottico, come se ci fosse un apertura luminosa nel muro. Perfetta per segnalare percorsi in corridoio o per creare atmosfere originali in qualsiasi ambiente della casa.

Una volta scelto il modello desiderato il secondo passo da compiere è quello di imbattersi nelle infinite forme e colori a disposizione.
Se siete alla ricerca di una lampada per arredare la vostra casa guardate questa lunga gallery di foto… perchè a volte le immagini contano più di mille descrizioni…

Le foto di queste chaise longue bastano a farci rilassare?

Dopo una lunga giornata è sempre bello e rigenerante ritagliarsi un momento di puro relax e “dolce far niente”. Quando vogliamo riposarci spesso desideriamo essere sdraiati su un comodo letto, un morbido divano o un’avvolgente poltrona, ma alla chaise longue chi ci pensa? L’essere troppo stanchi non è una scusa per dimenticare o non sapere quanto questi complementi possano essere comodi, funzionali e anche di “bella presenza”.

Un classico nella storia del design d’interni è Long Chair Breuer, disegnata nel 1936 da Marcel Breuer. La solida struttura in legno multistrato di acero si abbina perfettamente alla morbida seduta disponibile in una vasta gamma di rivestimenti. Pelle anilina, vitello pienofiore o stampato, tessuto, ecopelle in molte nuance.

chaise-longue-long-chair-breuer

Casanova di Cattelan Italia è invece la sintesi della leggerezza visiva. Una sottile ma resistente base in acciaio inox sostiene la scocca in legno imbottita e rivestita in ecopelle o pelle. Le linee sinuose della chaise longue seguono quelle del corpo offrendo comfort di seduta insieme al cuscino poggiatesta.

chaise-longue-casanova

Chaise longue senza schienale e braccioli, queste sono le caratteristiche principali di Aliseo, una sorta di divanetto relax completabile con cuscini. Alti piedini sostengono la seduta rivestita in tessuto o ecopelle e impreziosita da cuciture in rilievo con pizzicatura. Perfetta per essere posizionata affiancata ad una parete o in centro stanza.

chaise-longue-aliseo

Per gli eterni indecisi, per chi ama gli oggetti multifunzione o per chi ha poco spazio a disposizione ma non vuole rinunciare a nulla esistono soluzioni perfette. Chaise longue, poltrona e perfino letto in un unico complemento.

Chaise longue e poltrona: Ricciolo è dotata di un meccanismo brevettato che permette di aprire o chiudere il poggiapiedi all’occorrenza. In più il basamento girevole permette di muoversi e girarsi a piacere.

chaise-longue-ricciolo

Stessa funzionalità ma design e meccanismo differente per Line. La struttura in poliuretano espanso è flessibile è facilmente trasformabile con un semplice movimento manuale. Lo schienale rimane inclinato mentre la seduta varia altezza e profondità. Nonostante la particolare forma, garantisce una postura rilassante e naturale per un vero momento di relax.

chaise-longue-line

Chaise longue, poltrona e letto, in un’unica parola: Benny. Lo schienale reclinabile e la seduta ribaltabile permettono la trasformazione in semplici e pratiche mosse. Funzionalità, comodità ed eleganza si uniscono e si adattano alle esigenze di ciascuno in ciascun momento.

chaise-longue-benny

Kuboletto di Milano Bedding è una chaise longue composta da dodici elementi rettangolari componibili a piacere. In poche e pratiche mosse e lasciando libera la fantasia, si può trasformare anche in divano, letto, poltrona, assegnando tutte le forme più particolari e originali che si desidera.

chaise-longue-kuboletto

Creare un angolo relax in casa è semplice, soprattutto quando esistono chaise longue come quelle in questa gallery di immagini

Sgabelli: modelli, stili e piccola foto-storia

Ve la ricordate la canzone “Lo sai che i papaveri son alti, alti, alti e tu sei piccolina che cosa ci vuoi far?”. Ma come “cosa ci vuoi fare”?
Comprare sgabelli per la casa, per l’ufficio, per andare a vedere i concerti e anche per i mezzi pubblici. Altro che piccolina, dall’alto di uno sgabello si può dominare il mondo, un po’ come il piccolo Napoleone dal suo bianco cavallo.
Lo sgabello è un tema su cui produttori e designer si sono davvero sbizzarriti (sarà che sono tutti piccolini?), le variazioni sono infinite e vanno dalle forme più tradizionali a quelle più contemporanee e stilizzate.
Una distinzione fondamentale, in ordine di altezza, è quella tra sgabello piano tavolo, piano cucina e piano bar.
A seconda dello stile e del modelli i più bassi sono utilizzabili anche come pouf poggiapiedi o tavolini lato divano. C’è chi li usa anche come comodini o portariviste.
I più alti sono indubbiamente destinati ad uso seduta…anche se ci risulta ci siano persone che li usano come poggia vasi!
Vediamo qualche esempio delle varie tipologie offerte e degli stili disponibili sul mercato.

La seduta in tessuto solitamente nasconde una morbida imbottitura, l’ideale per chi usa lo sgabello come seduta quotidiana, magari intorno ad un tavolo a penisola alto. Calice è una bella soluzione per chi è alla ricerca di originalità e design moderno. Il cuscino di seduta è sfoderabile e lavabile, perfetto anche in cucina.

Sgabelli Calice  in tessuto o ecopelle in vari colori.

Sgabelli Calice in tessuto o ecopelle in vari colori.

Il cuoio è dedicato ad ambienti formali ed eleganti, sia domestici che pubblici.
Chevalier ad esempio offre una seduta confortevole, data dallo schienale sagomato che segue le linee lombari, e un’alta resa estetica.

Chevalier è uno sgabello completamente rivestito in cuoio, ecopelle o tessuto.

Chevalier è uno sgabello completamente rivestito in cuoio, ecopelle o tessuto.

Milk: legno massello e linee essenziali come vuole la tradizione. Sospettiamo che si chiami Milk perché ricorda il classico sgabello delle pastorelle che mungevano le mucche a mano. Per case bucoliche.

Milk è in faggio finito ad olio 100% non chimico.

Milk è in faggio finito ad olio 100% non chimico.

Le nostre pastorelle avrebbero sicuramente sofferto meno di mal di schiena se avessero avuto degli sgabelli ergonomici come i Move di Variér.

Move favorisce una seduta dinamica ed un postura corretta.

Move favorisce una seduta dinamica ed una postura corretta.

E dalla campagna passiamo alla reggia di Versailles. Non poteva certo mancare il classico rivisitato: degno rappresentante del genere è Drink, sgabello Luigi XVI con il tipico schienale a medaglione. Opera del brand brianzolo Modà.

Drink è uno sgabello dalle linee classiche realizzato in legno di faggio.

Drink è uno sgabello dalle linee classiche realizzato in legno di faggio.

Vagando tra le pieghe della storia troviamo Diva, sgabello chiaramente rubato agli anni ’60, epoca in cui imperversava la plastica e il rotondeggiante stile pop.

Sgabelli Vamp in scocca conica Hirek® super resistente.

Sgabelli Vamp in scocca conica Hirek® super resistente.

Finiamo con un esemplare contemporaneo: sgabelli Pepe, inno al minimalismo dai tratti fortemente maschili, perfetto esempio di stile industriale moderno.

Seduta in cuoio e originali gambe in acciaio per Pepe.

Seduta in cuoio e originali gambe in acciaio per Pepe.

Se non avete trovato quello che fa per voi, vi lascio con una vastissima scelta di foto di sgabelli per tutti, ma proprio tutti i gusti e le esigenze. C’è persino lo sgabello bicicletta con tanto di pedali!
Anche lui sembra molto interessato…Sgabelli: Zed di Infiniti Design

Specchi: foto per ogni stile

La matrigna di Biancaneve chiedeva “Specchio specchio delle mie brame, chi è la più bella del reame?”. Io vi chiedo: “Lettori lettori nostri cari, quali sono gli specchi più belli di ArredaClick?”. Io li ho guardati tutti e non ho saputo eleggere il migliore, sono tanti e tutti hanno una caratteristica distintiva. Ne ho scelti alcuni che meglio rappresentano i diversi stili; se amate un particolare stile amerete sicuramente quello specchio.

Stile Classico
Legno, cornice intagliata, importanti e raffinate decorazioni.
Sissi di Cantori ha una cornice in legno massello scolpita e decorata a mano agli angoli per creare un motivo floreale. Elegante e signorile, è perfetto in camere da letto di gran stile, ancora meglio se posizionato sopra una consolle fissa o un mobile da toeletta.

specchi-sissi

Stile Moderno
Forma originale, evoluta lavorazione.
Adamo & Eva di Miniforms è uno specchio dal design giovane e accattivante che rappresenta la figura stilizzata di un uomo e di una donna. E’ realizzato con la lavorazione “water jet cutting” o “taglio a getto d’acqua” che assicura massima precisione di taglio e di rifinitura dei bordi.

specchi-adamo-eva

Stile Romantico
Colori tenui, riccioli romantici, trionfo di curve.
J’Adore di Cantori ha una forma ovale, cornice irregolare e riccioli decorativi che si sovrappongono alla superficie riflettente. Abbinato ad un letto in ferro battuto con testiera e pediera decorata a motivi simili crea un’atmosfera romantica e unica in camera da letto.

specchi-jadore

Stile Vintage
Design minimale ed essenziale, legno.
Retroviseur Domestique di Miniforms è uno specchio da parete dalla forma semplice e stilizzata. Ricorda lo specchietto retrovisore di una motocicletta e da questo deriva il nome “retrovisore domestico”.

specchi-retrovisieur-domestique

Stile Minimal
Taglio essenziale, semplicità della forma.
Hang Up di Bonaldo è formato da una cornice e dalla superficie riflettente posizionata e fissata in modo irregolare. Senso di movimento e dinamismo perfetti per ogni ambiente della casa.

specchi-hang-up

Stile Neo-Barocco
Imponente e maestoso, legno, dettagli.
Narcisse di Modà ha un’importante cornice in legno massello intagliata in stile neo-barocco. Posizionato all’ingresso della casa, in salotto o in camera da letto diventa il protagonista dell’ambiente. Appeso alla parete o appoggiato a terra su dei piedini in nylon caratterizza la stanza e crea un’atmosfera originale.

specchi-narcisse

Stile Pop-Art
Decorazioni, disegni a stampa.
Pop è uno specchio con superficie riflettente decorata a stampe digitali. Disponibile in tre diversi motivi decorativi e in tre dimensioni per posizionare a piacere lo specchio in senso orizzontale o verticale.

specchi-pop

E per voi qual è lo specchio più bello?
Se ancora non avete trovato lo specchio che si abbina al vostro stile ecco una gallery di foto

Pareti attrezzate per un soggiorno pronto a tutto

Scopo principale delle pareti attrezzate, lo dice il nome, è aiutarci a organizzare una o più pareti attraverso elementi contenitivi di varia natura.
Essendo usualmente collocate in soggiorno o salotto, una parte di questi mobili è solitamente dedicata al televisore e agli apparecchi collegati: lettori dvd, consolle di gioco, decoder e relativi accessori.

In una casa piccola la parete attrezzata si svilupperà idealmente su un’unica parete ed in senso verticale: in spazi limitati è fondamentale sfruttare le pareti in altezza. Destrutturando la parete attrezzata è più facile giocare coi pensili: basta collocarli su più pareti ed usare così al massimo gli spazi a disposizione.

BeFree FS77

BeFree FS77 con base sospesa di cm 192 e pensili da disporre a piacere.

Il televisore
Il tv è collocabile in appoggio su contenitori di varia natura come basi a terra o sospese con cassetti, o mobiletti tipo credenza. Una seconda opzione è applicare il televisore a pannelli porta tv fissi oppure estraibili e orientabili. Vediamo tre esempi.
Plan FS60

Plan FS60 con madia sospesa. Larghezza totale cm 368.

Plan FS60 con madia sospesa. Larghezza totale cm 368.

Mosaico

Mosaico è una parete attrezzata componibile a moduli.

Mosaico è una parete attrezzata componibile a moduli.

Logic 528

Logic 528 è una parete attrezzata completa di scrivania. Larghezza totale cm 372,6

Logic 528 è una parete attrezzata con porta tv orientabile. Larghezza totale cm 372,6

Pensili e Librerie
I pensili comprendono tutti quegli elementi con aggancio a parete che possono essere chiusi da ante a battente, a ribalta o scorrevoli, o costituire vani a giorno. Sono elementi singoli o componibili tra di loro e permettono di realizzare vere e proprie librerie, madie a parete e altre composizioni.

Plan FS63 include pensili con ante a ribalta e pensili con anta scorrevole che scopre o cela moduli con divisori ideali per riporre i libri, cd, dvd e soprammobili che si desidera esporre in bella vista.

Plan FS63 con basi sospese e pensili. Larghezza totale cm 352

Plan FS63 con basi sospese e pensili. Larghezza totale cm 352

Plan FS54 alterna pensili rettangolari disposti asimmetricamente.

Plan FS54 è composta da pensili verticali alternati a colonne libreria. Larghezza totale cm 384.

Plan FS54 con pensili verticali alternati a colonne libreria. Larghezza totale cm 384.

Scrittoi e maxi mensole
Le pareti attrezzate sono “attrezzate” anche perché multitasking. La multifunzionalità è la chiave del loro successo: sono mobili porta tv, librerie, madie e credenze, mobili bar e anche perfetti angoli studio e lavoro. Con la tendenza home office sempre più diffusa è fondamentale organizzare casa in modo da avere una workstation: pezzi essenziali sono una scrivania ed elementi contenitivi per documenti e libri.

Plan FS56 risolve il tutto con una maxi mensola a cui è integrato un pannello equipaggiato con mensole.

La parete Plan FS56 è composta da base porta tv e  un mensolone completato da boiserie con ripiani. Larghezza totale cm 448

La parete Plan FS56 è composta da base porta tv e un mensolone completato da boiserie con ripiani. Larghezza totale cm 448

Vi lascio con una gallery di foto di pareti attrezzate e mobili soggiorno da cui potete trarre ispirazione per la vostra personale composizione. Ci sono soluzioni per tutte le necessità di spazio, da poco più di un metro fino ai 5 metri.
Se poi volete davvero creare un sistema su misura potete dare un’occhiata qui ai vari elementi singoli da unire come più vi piace.

Arte & arredamento si uniscono: foto di quadri e affreschi

Non vogliamo certo improvvisarci esperti critici d’arte o addirittura artisti, semplicemente amiamo l’arredamento e la casa e non riusciamo a non pensare a come poter arredare tutti gli angoli e le pareti, ovviamente una possibilità sono quadri e affreschi. Arte e arredamento si possano unire per decorare, arredare e dare un ulteriore tocco di personalità agli ambienti in cui viviamo. L’arte è estetica e creatività e supera semplici regole, filoni o correnti; è l’espressione dell’interiorità dell’artista ed è puramente soggettiva. Nonostante questo possiamo trovare alcuni fili conduttori per muovere i primi passi in un mondo così vasto e sfaccettato.

Riproduzione di personaggi famosi
Marilyn Monroe, Audrey Hepburn e Steve McQueen sono personaggi celebri che hanno segnato la storia e sono diventati dei miti per molti. La loro immagine è intramontabile così come lo sono alcuni loro film che li hanno resi famosi.
Affreschi e serigrafie che li riproducono sono ancora oggi attuali e di gran moda e arredare la propria casa con una loro immagine può essere la scelta giusta.

affreschi-audrey-hepburn affreschi-marilyn serigrafie-steve-mc-queen

Marilyn 2176 e Audrey 2125 sono due affreschi di Mariani Affreschi, realizzati con la tecnica di strappo da muro. Sono articoli d’arredo unici ed eleganti, con il valore aggiunto di essere eseguiti a mano e di essere quindi una replica unica diversa dall’originale e da qualsiasi altra copia.
Steve McQueen è una serigrafia ad effetto affresco di Mariani Affreschi. Un lungo e complesso processo di realizzazione porta a produrre questa opera, fedele riproduzione di un prototipo iniziale.

Riproduzione di opere di artisti famosi
Per gli amanti dei pezzi d’artista e dei capolavori dell’arte italiana ed europea, avere una fede riproduzione in casa è motivo di gioia per gli occhi e di vanto.

serigrafie-abbraccio-klimtaffreschi-bacio-klimt

 

Klimt e Gustav Klimt sono, rispettivamente, una serigrafia e un affresco che celebrano due opere famose di Klimt appunto, “L’Abbraccio” e “Il Bacio“. Sono realizzate con inserti in foglia oro e argento che conferiscono nell’insieme una particolare luminosità.

Riproduzione classiche
Il viaggio nell’arte parte da tantissimi anni fa, addirittura secoli. Chi è affascinato da soggetti classici, tratti stilistici particolari, uso di materiali diversi da quelli attuali è fondamentale avere un affresco con determinate caratteristiche

affreschi-la-vergine-e-il-bambino

L’originale de “La Vergine e il Bambino” è stato disegnato da Leonardo all’incirca nel 1500, Mariani Affreschi propone un affresco che riproduce il disegno originale realizzato con gessetto nero, bianco e sfumino.

Riproduzione di paesaggi e nature morte
Che siano paesaggi di montagna, mare, collina o nature morte il fascino è garantito, soprattutto per chi ama viaggiare e scoprire angoli del mondo.
Paesaggi Toscani raffigura un borgo collinare della Toscana

affreschi-paesaggi-toscani

Corrente Pop-Art
Per chi preferisce allontanarsi dalle riproduzioni famose e avere un quadro dai colori accesi che richiama le tecniche usate in questa corrente, è perfetto Pop and Abstract. Una raccolta di quadri con rappresentati oggetti di uso comune, come le scarpe, con lo scopo di celebrare i colori brillanti e vivaci. Tutti i colori utilizzati sono acrilici e non contengono sostante tossiche o nocive per la salute. L’arte si unisce all’attenzione per i materiali.

quadri-pop-art-pop-and-abstract

 

Arte astratta
L’arte non finisce mai di stupire; disegni, forme e colori possono essere proposti in infiniti modi e ognuno può interpretare ciò che vuole. Tocchi di Colore è un chiaro esempio: macchie colorate proposte in modo irregolare, linee e ombre senza un apparente senso logico.

quadri-astratti-tocco-di-colore

Questi sono solo alcune possibilità per arredare una parete di casa. Le opere d’arte sono infinite, così come sono infiniti i gusti personali. Ecco una gallery di immagini di quadri e affreschi per deliziare gli occhi e lo spirito…

Idee per arredare casa: oggetti del desiderio #11

L’oggetto del desiderio di questo martedì è la sedia Jonathan 30, non una sedia qualsiasi ma una sedia che ha vinto il premio Interior Innovation Award 2014, considerato in tutto il mondo uno dei più prestigiosi premi di design nel settore arredamento.
E’ la rivisitazione moderna della sedia progettata e disegnata nel 1983 da Paolo Nava, riproposta nell’innovativo materiale FreeForm.

sedia-jonathan-30

“Esaminai le parti scomposte, cercando di portarle alla loro sintesi sia formale che minimale. Il risultato fu un cerchio sia per la seduta che per lo schienale e una sezione circolare per le gambe, elementi che sin dalle origine garantivano la smontabilità e la riducibilità totale in uno spazio minimo.” “Dopo parecchie prove, riuscii a trovare un sistema per unire il sedile allo schienale, e la sorpresa fu che, oltre a unire, questo giunto permetteva allo schienale di flettere, sfruttando le caratteristiche del legno curvato e unito in maniera circolare. (…)” Così Nava descrive questa sedia.
Quelli che lui chiama “cerchi per seduta e schienale” donano a Jonathan 30 la definizione di “sedia a medaglione”.

Le quattro gambe d’appoggio sono in legno massello noce americano o rovere, la seduta è disponibile in poliuretano FreeForm schiumato a freddo in 12 colori diversi o in canna naturale intrecciata, il raccordo tra seduta e schienale in alluminio laccato bianco o nero.

Oltre ad avere una forma ergonomica, con seduta e schienali curvati per offrire comfort di seduta, Jonathan 30 ha un design moderno ed elegante. Le numerose finiture in cui è disponibile la rendono una sedia versatile e adatta a contesti diversi. La canna intrecciata è perfetta per un ambiente classico, il FreeForm colorato in un ambiente più moderno e giovanile.

(Fonte citazioni: archiportale.com)